Ipocondria: ho paura di essere malato!

La paura di essere affetti da malattia, le ricerche continue di rassicurazioni, i continui controlli medici rinforzano il circolo vizioso del soggetto ipocondriaco...ma è possibile uscirne!

4 AGO 2016 · Tempo di lettura: min.
Ipocondria: ho paura di essere malato!

Alcune persone hanno preoccupazioni eccessive riguardo la loro salute, si convincono di essere affette da una qualche malattia e tutto questo genera ansia e senso di minaccia, per cui stanno sempre in allerta.

Questo genera in esse grande stress. Per placare la loro preoccupazione esse fanno continue ricerche su internet, richiedono molti consulti medici e si fanno rassicurare da amici, familiari. A lungo andare questo loro atteggiamento secca gli altri, i quali iniziano a prendere le distanze dal soggetto in questione; in altri casi è il soggetto stesso che si allontana dagli amici perché sostiene di non sentirsi capito. L'atteggiamento tipico della persona ipocondriaca ha anche altre conseguenze negative, basti pensare al grande dispendio economico dovuto alle continue visite mediche che si appresta a fare senza sosta.

Inoltre tutto il tempo trascorso nel cercare di comprendere quale malattia abbia, riduce la possibilità di dedicarsi ad hobby e divertimento. Anche nel caso del soggetto ipocondriaco potremmo definire un circolo vizioso il responsabile del mantenimento del problema.

Il soggetto ipocondriaco si sente preoccupato per la sua salute, pertanto fa dei controlli medici e richiede rassicurazioni agli altri. Tutto questo gli restituisce un senso di maggiore sicurezza e riduce la sua preoccupazione. Tuttavia ad un certo punto si rende conto che è del tutto impossibile escludere in toto la presenza eventuale di malattie, e da qui riparte coi suoi atteggiamenti di controlli e visite mediche.

È importante dunque riflettere sui numerosi costi associati col mettere in atto una eccessiva quantità di controlli e ricerche di rassicurazioni e…imparare ad accettare che non tutto può essere sotto il nostro rigido controllo. Sviluppando la consapevolezza interiore e guardandoci dentro potremmo diventare più bravi a riconoscere quel momento in cui, dall'ansia e dalla preoccupazione per la salute, ci attiviamo nella ricerca di rassicurazioni, ed è proprio in quel momento che potremmo allenarci a tollerare ed accettare l'ansia e l'incertezza.

Scritto da

Dott.ssa Falciano Claudia

Lascia un commento

ultimi articoli su ipocondria