Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Il sintomo in ottica gestaltica

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

L'articolo descrive l'approccio che la psicoterapia della Gestalt ha nei confronti dei vari sintomi e disturbi, che possono essere usati alla stregua di vere e proprie risorse terapeutiche.

25 OTT 2017 · Tempo di lettura: min.
Il sintomo in ottica gestaltica

IL SINTOMO IN OTTICA GESTALTICA

Nella visione medica classica occidentale di origine illuminista, nonché in molti approcci psicoterapeutici, primo fra tutti il comportamentismo, il sintomo è visto come il punto nevralgico dei problemi della persona e di conseguenza come un fattore da eliminare, estirpare o comunque ridurre al silenzio. A tale proposito si pensi a tutta quella categoria di farmaci definiti "sintomatici" che si interessano solo di combattere il sintomo e che per loro natura niente hanno a che vedere con la cura della malattia, o a tutte le tecniche psicologiche mirate alla riduzione dell'ansia.

Nella psicoterapia della Gestalt il sintomo non viene considerato come qualcosa che deve essere eliminato ma, al contrario, come una vera e propria risorsa psicoterapeutica, una sorta di porta di accesso al mondo interno della persona, un canale diretto verso il conflitto interiore che lo ha generato e lo mantiene in essere. La Gestalt, inoltre, seguendo un'ottica prettamente evoluzionista, ritiene il sintomo come il miglior adattamento possibile che un organismo, in quel dato momento, è stato in grado di trovare per rapportarsi ad uno specifico ambiente e situazione.

Spesso, infatti, la soluzione ai conflitti e ai blocchi psichici che ci troviamo ad affrontare quotidianamente può risultare per l'individuo psichicamente destabilizzante , frustrante, dolorosa o socialmente stigmatizzata, e per questo negata, rimossa o comunque difficile da accettare. In questi casi il corpo, trovandosi difronte a questo sostanziale diniego, tenta, attraverso i sintomi, di dare soluzione a tali conflitti e sciogliere i blocchi. Più forte e marcata è la tensione e il blocco e più forte sarà il sintomo, se un blocco perdura nel tempo anche il sintomo perdurerà.

Tecnicamente il sintomo è quindi considerato, in gestalt, come la modalità "organismica" di risoluzione a un conflitto psichico irrisolto. Il corpo può essere considerato a sua volta come un palcoscenico, sul quale vengono messe in scena e si manifestano le dinamiche del nostro mondo psichico.

Seguendo una visione prettamente olistica, io credo che tutti i sintomi e le malattie, dalle tensioni muscolari ai traumi, alle infezioni o alle malattie più gravi, abbiano alla loro origine una più o meno marcata componente psichica che segue il sopracitato meccanismo. Mentre per l'insorgenza di alcuni sintomi e malattie la componente psichica risulterebbe palesemente predominante, si pensi ad esempio a tutte quelle patologie che la scienza medica definisce "autoimmuni" e per le quali sostanzialmente non sa dare nessuna spiegazione eziologica, per altre invece sembrerebbe essere associata, in maniera più po meno incidente, ad altri svariati fattori di tipo genetico, ambientale, circostanziale, ecc.. . Un fatto però sembra certo: in presenza di sintomi e malattie il fattore psichico, anche se in modo più o meno evidente, risulterebbe sempre presente.

Nella pratica psicoterapeutica, il terapeuta gestalt lavorerà assieme al paziente disvelando ed esplorando il sintomo, condividendo tale esperienza e i vissuti correlati ad essa con il paziente stesso. Ciò dovrà avvenire all'interno di una relazione che Perls definiva "di simpatia", che presuppone cioè il coinvolgimento autentico del terapeuta all'interno di una relazione IO-TU, da persona a persona. Scopo della terapia è aumentare la consapevolezza di se e aiutare a sviluppare la capacità di risposta , la "responsability", affinché il paziente possa, attraverso di essa, modificare il proprio atteggiamento di fronte ai vecchi problemi e trovare nuove risposte ad essi.

Pierluigi Salvi

Scritto da

Dott. Pierluigi Salvi - Associazione di Promozione Sociale LOGOS

Lascia un commento

ultimi articoli su psicoterapia della gestalt