Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Il mio terapeuta è cognitivo-comportamentale cosa significa?

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Il presente articolo nasce nel tentativo di spiegare in maniera semplice cosa aspettarsi da un percorso di psicoterapia di indirizzo cognitivo comportamentale

30 LUG 2015 · Tempo di lettura: min.
Il mio terapeuta è cognitivo-comportamentale cosa significa?

"Ho bisogno di una psicoterapia...che paura,che vergogna....cosa mi devo aspettare...come scegliere... quale scegliere?"

Queste sono alcune delle domande più frequenti che i pazienti a volte portano in studio. In questo senza il presente articolo nasce dal tentativo di smontare i vecchi schemi che vedono la persona che usufruisce di un servizio di psicoterapia come "malata", per adottare un modello di psicologia positiva che vede un servizio di questo tipo come momento di crescita personale e occasione per apprendere come affrontare al meglio i propri problemi.

La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità definisce il concetto di salute non come assenza di malattia ma come stato di benessere psicofisico. Cosa aspettarsi dunque da un percorso di psicoterapia di indirizzo cognitivo comportamentale?

Caratteristiche della psicoterapia cognitivo-comportamentale

Innanzitutto una breve durata, infatti la terapia cognitivo comportamentale vanta di essere breve ed orientata al presente. Nessuno "scavare nel passato alla ricerca di..." ma si lavora nel tentativo di individuare ciò che hai instaurato il problema per attivare un cambiamento in positivo, tutto ciò con un ruolo attivo da parte del paziente per l'intero percorso terapeutico. Obiettivo dunque è il cambiamento come afferma A. Eisten infatti "non si può risolvere un problema con lo stesso modo di pensare che ha provocato il problema".

Elementi essenziali infine per la buona riuscita di una psicoterapia oltre competenze abilità del terapeuta, diventano anche e soprattutto fiducia e voglia di mettersi in gioco da parte del paziente. Nessuna resistenza dunque... guardiamo in faccia il problema e andiamo dritti verso il nostro obiettivo...il nostro benessere!

Dott.ssa Valentina Nocito Psicologa-Psicoterapeuta

Scritto da

Dott.ssa Valentina Nocito Psicologa-Psicoterapeuta

Lascia un commento

ultimi articoli su terapia cognitivo-comportamentale