Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Il disturbo ossessivo-compulsivo

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Ossessioni e compulsioni interessano un numero sempre maggiore di persone, rendendo difficile la loro vita e quella di chi gli vive accanto.

25 NOV 2016 · Ultima modifica: 29 NOV 2016 · Tempo di lettura: min.
Il disturbo ossessivo-compulsivo

Le ossessioni sono pensieri o immagini vissuti come intrusivi. Vengono percepite dalla persona come molto fastidiosi e i numerosi tentativi per contrastarle hanno solo un successo temporaneo.

Le compulsioni, definite anche rituali, sono comportamenti ripetitivi (lavarsi le mani, riordinare, controllare) o azioni mentali (contare, pregare, ripetere formule), messi in atto per ridurre il senso di disagio e l'ansia provocati dai pensieri e dagli impulsi tipici delle ossessioni. Costituiscono un tentativo per ridurre il disagio, un mezzo per cercare di controllare l'ansia.

Per esempio, le persone con un'ossessione di contaminazione possono lavarsi le mani fino a provocarsi delle lesioni cutanee. Altre possono controllare ripetutamente di aver chiudo il gas per la paura ossessiva di far scoppiare la casa. Di solito tutte le compulsioni si trasformano in rigide regole di comportamento spesso bizzarre e decisamente eccessive. Assumono però un carattere talmente abituale e meccanico che vengono attuate, a scopo preventivo, anche in assenza di ossessioni.

Il disturbo ossessivo compulsivo (DOC) è caratterizzato da ossessioni e compulsioni. Circa l'80% di persone con Doc sperimenta entrambi questi aspetti. Tuttavia, c'è una certa percentuale di soggetti che non mette in atto compulsioni e ricorre ad altre strategie per cercare di gestire il disagio derivante dalle ossessioni.

Alcuni rituali, come alcune pratiche religiose o certe scaramanzie, fanno parte della vita di tutti i giorni. Preoccupazioni come la paura di contrarre una malattia possono essere più presenti in periodi di forte stress.

Tuttavia, l'intervento di un professionista risulta necessario solo quando i sintomi persistono, causano molto disagio o interferiscono pesantemente con la vita di tutti i giorni.

Bibliografia

Melli G. (2011). Vincere le ossessioni. Capire e affrontare il Disturbo Ossessivo-Compulsivo.

Scritto da

Dott.ssa Maria Rosaria Tamborrino

Lascia un commento

Ultimi articoli su Psicopatologie