I bambini imparano quello che vivono

Ogni bambino, fin dalla nascita, fa esperienza di ciò che gli accade attorno, memorizzandola attraverso i sensi.

19 GEN 2015 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

I bambini imparano quello che vivono

A tutti i genitori, ai futuri genitori

Ogni bambino, fin dalla nascita, fa esperienza di ciò che gli accade attorno memorizzandola attraverso i sensi. Le esperienze che egli vive sono la fonte di apprendimento maggiore che gli viene offerta e da ciò può trarne un aiuto, una guida per il proprio futuro. Le persone che favoriscono l'esperienza al bambino in primis sono i genitori, la famiglia. Dentro a questo nido, ogni bambino riceve degli input, delle proposte in cui sperimentarsi, fare esperienza. Da qui poi vengono poste le basi per il futuro del bambino, basi che gli permetteranno di essere ciò che ha appreso dall'esperienza vissuta.

Come la maggior parte delle persone sa, i bambini sono come delle spugne: assorbono qualsiasi cosa che gli si propone davanti, intendendo anche quelle situazioni in cui il bambino è seduto a giocare e sembra non prestare attenzione al dialogo dei genitori. Il messaggio "i bambini imparano quello che vivono" è chiaro: i figli imparano in ogni momento dai genitori. I figli prestano sempre attenzione al genitore, forse non stanno attenti a ciò che gli dite di fare, ma certamentesono attenti a ciò che vi vedono fare. Il genitore può sforzarsi di insegnare certi valori al figlio, ma inevitabilmente apprende ciò che vede fare dal genitore nella sua quotidianità.

Ecco quindi che i messaggi verbali inviati dal genitore e discordanti dal comportamento che egli ha (es. "Guardare troppa televisione fa male" e poi gli si propone di guardarla perché si vuole conversare in modo tranquillo con un'altra persona) creano confusione nel bambino. I bambini imparano davvero ciò che vivono e da adulti vivono ciò che hanno imparato. Penso, me lo auguro, che nessun genitore si sia accordato con il proprio partner in questo modo: "Ecco ho trovato tre modi per distruggere l'autostima di nostro figlio: farlo vergognare, non dirgli la verità, giudicarlo!" nessun genitore decide di ferire il proprio figlio, eppure dei genitori fanno proprio questo anche se non è loro intenzione.

Se si pensa alla maggior parte dei problemi mondiali, questi hanno inizio proprio dentro alle pareti domestiche: diventando genitori migliori si contribuisce concretamente a risolvere parte delle difficoltà che ci troviamo oggi nel mondo. Immaginate un mondo dove tutti i bambini sono diventati adulti con le qualità che hanno imparato da ciò che hanno vissuto: riuscite ad immaginare un Parlamento dove ognuno mostri di possedere qualità simili? Il mestiere di genitore è nobile e poco facile, ma ci si può far aiutare e sostenere!Mai sottovalutare il potere che hanno i genitori per creare un futuro migliore per i propri figli e per l'intera umanità!

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Vania Trentin

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su psicologia sociale e legale