Ghosting: quando l’altro “sparisce”

Cosa spinge un individuo a sparire totalmente dalla vita di una persona che sta frequentando, che si presume sia interessato a conoscere in modo più approfondito o che, in teoria, ama?

10 ott 2018 Psicologia della coppia - Tempo di lettura: min.

psicologi
Photo by Anthony Tran on Unsplash

Cosa s'intende per "ghosting"? Come superare questo fenomeno?

Quando le relazioni finiscono lasciano dietro di sé una scia di sofferenza. Vi sono, poi, delle situazioni in cui la possibilità di soffrire si moltiplica, perché la separazione viene gestita con una modalità dal sapore particolarmente amaro. In particolare ciò accade quando uno dei due partner sparisce all'improvviso, fenomeno chiamato "ghosting", dall'inglese "ghost", fantasma. Senza dare spiegazioni, il partner semplicemente scompare, senza offrire alcun  elemento chiarificatore. Subire un abbandono, per di più senza spiegazione alcuna, ferisce spesso profondamente, provocando rabbia, rancore, oltre che tristezza. La necessità di capire, di avere un perché, è naturale e quando una spiegazione viene negata non è insolito essere risucchiati in una spirale di dolore, che rallenta l’elaborazione del lutto, impaludando l’anima al passato.

Fenomeno il cui nome è stato coniato per i social come Facebook, Twitter, Instagram, WhatsApp, la sua evoluzione è, a  volte, lo zombieing, ovvero il riapparire dal nulla. Una delle immagini che meglio rappresenta il ghosting è l’assenza di risposta ai messaggi inviati online, dove la tipica doppia spunta blu chiarisce l’avvenuta ricezione, a cui non segue altro se non il silenzio. Senza dubbio, se  sparire non è un comportamento tipico dei nuovi costumi sociali, farlo on line, come accade principalmente nel ghosting, non ne allevia l’amarezza. 

Secondo un sondaggio eseguito su 800 persone comprese fra i 18 e i 33 anni da Plenty of Fish, sito di appuntamenti, poco meno dell'80% del campione è stato vittima di ghosting.

Le statistiche confermano che, spesso, chi mette in atto questo comportamento lo abbia, a sua volta, subito, quasi a confermare che finire vittima di un atteggiamento malsano non solo addolora l’anima ma finisce per inasprirla. Gli episodi di abbandono lasciano inevitabilmente l’amaro in bocca, così come la mancanza di affetto, specialmente durante l'infanzia, finisce per generare una ferita che necessita di essere sanata, affinché non si trasformi in instabilità emotiva. Questo per sottolineare che i “colpevoli” (uomini o donne che siano), dall’aspetto di cinici senza scrupoli, possono essere persone ferite, in realtà, antiche vittime di altrettanta anaffettività. Se il loro comportamento non va comunque giustificato, comprenderlo può alleviare il dolore di chi ne è vittima. 

Cosa fare? Come reagire di fronte a un episodio di ghosting?

Non entrare nel circolo vizioso

Contenere quel circolo vizioso fatto di pensieri ossessivi del tipo: "Cosa è successo", "Perché è successo?" è il primo passo. Queste sono domande umane, inevitabilmente lecite, che rischiano, però, di trasformarsi in un pensiero ricorrente intrusivo, in un rimuginio doloroso. Se qualcuno si  allontana per le più svariate ragioni abbiamo bisogno di entrare in una dinamica di accettazione, realizzando che, per ora, o per sempre, quella persona non desidera più stare in relazione con noi.

Qual’era la qualità della relazione instaurata?

Sei sicuro fosse un rapporto di amicizia o di coppia? Queste le domande da porsi. Soprattutto online, i legami si formano all'improvviso e, a volte, sembrano raggiungere in breve tempo un’apparente intimità, perché il raccontarsi crea vicinanza. Tuttavia, mancano di una base solida e troppo spesso vengono confusi con un rapporto più profondo di quello che è. Ciò non giustifica di per sé l'azione di sparire, ma può aiutare a guardare la situazione da un altro punto di vista.

Non è colpa tua

Questo ti deve essere chiaro. Non ricevere spiegazioni, spesso, porta a sentirci in colpa, a pensare che, in fondo, abbiamo fatto qualcosa di sbagliato. E’ opportuno darsi un po’ di tempo per analizzare meglio la situazione: hai fatto o detto qualcosa che possa aver ferito l'altra persona? Se non è così, allontana l’improduttivo senso di colpa! Ricorda che tu rimani la persona più importante della tua vita! E poi dedicati a chi ami da tempo, curando le relazioni con familiari e amici. Riattiva vecchie passioni, fai sport, risfodera vecchi hobby e dedicatici con amore. Poniti soprattutto degli obiettivi e portarli a termine; questo alimenterà il tuo senso di autoefficacia e amor proprio.

Forse per un po’ avrai semplicemente bisogno di piangere quell’abbandono ed anche questo andrà bene. Togliersi maschere di presunta forza avvicina alla propria umanità.

Infine, la compassione rimane via maestra: perdonare un gesto offensivo consente di lasciarselo alle spalle ed andare oltre. Questo non significa necessariamente riallacciare i rapporti. Il perdono è, e rimane,  un atto che serve soprattutto a chi lo mette in atto.  

Avete già sentito parlare di benching?

Se il ghosting vi sembra più che sufficiente come strumento di "tortura", pare si stia estendendo un altro fenomeno da cui proteggersi, quello del "benching". In questo caso, il partner non scompare ma mette “in attesa”, ovvero crea un costante stato di incertezza e dubbio, tiene in bilico, sostanzialmente, utilizzando l'altro come ruota di scorta, per averlo sempre a disposizione, quale nutrimento per la propria autostima. Anche questo rimane un segno di grande fragilità: una persona solida, equilibrata e risolta non ha alcun bisogno di una stampella a buon mercato. Il guaio è che può presentarsi come una persona particolarmente intelligente, sensibile, dimessa, vulnerabile perfino, incline a parlare di sé, dei suoi dolori, delle sue relazioni sofferte,  stabilendo, così, una relazione intrisa di apparente vicinanza. Non è, dunque, insolito che agganci un/una partner con una marcata tendenza all’accudimento, che si sentirà lusingato/a da tante e tali confidenze.

Attenzione, però, potrebbe trattarsi del “narcisista covert” (“nascosto”)...Scappare a gambe levate!  

Lascia un commento

INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
Finalità:
a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
Legittimità: Consenso dell’interessato.
Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su guidapsicologi.it/proteccion_datos

Articoli correlati