Figli dell'alcolismo

La dipendenza da alcool è un problema in preoccupante crescita negli ultimi anni con gravi effetti sulle persone che ne sono vittima.

27 AGO 2018 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Figli dell'alcolismo

La dipendenza da alcool è un problema in preoccupante crescita negli ultimi anni con gravi effetti sulle persone che ne sono vittima. Il consumo e l'abuso di alcool inizia sempre più precocemente ed è stato dimostrato che chi inizia a bere prima dei 16 anni è maggiormente a rischio di sviluppare una dipendenza da alcool in età adulta.

L'alcolismo ha delle gravi conseguenze ti tipo organico (epatiti, cirrosi ecc.), psicologico (depressione, rischi suicidari, demenza ecc.) e gravi conseguenze sul piano del comportamento sociale soprattutto nell'ambito familiare.

L'alcolismo è purtroppo ancora oggi un problema sommerso ma uccide molto di più rispetto ad altri tipi di dipendenza da droghe come quella da eroina. La persona che abusa di alcool nega a sé stessa e alla famiglia il problema. Per questa ragione è molto difficile individuare la patologia in tempi brevi e curarla precocemente.

Studi scientifici dimostrano che i bambini che crescono in un ambiente familiare in cui uno o entrambi i genitori sono alcolisti possono sviluppare più facilmente problemi comportamentali, emotivi e psicologici. Le loro giovani vite sono dominate dal caos, traumi, confusione, vergogna, sensi di colpa e spesso abusi fisici, sessuali e/o psicologici diretti o indiretti.

I figli di alcolisti sono esposti al rischio di diventare loro stessi dipendenti da alcool o da altre sostanze quattro volte più della media ed è stato calcolato che la metà di loro sposerà in età adulta una persona con dipendenza da alcool. Tutto ciò dimostra quanto crescere in un ambiente domestico in cui è presente l'alcolismo possa segnare per sempre la vita di un bambino. Fin da prima della nascita, se una donna è dedita all'alcolismo durante la gravidanza suo figlio o sua figlia potrebbe essere vittima della sindrome alcolica fetale che può provocare danni fisici, quali basso peso alla nascita, malformazioni, deficit mentali e comportamentali e conseguenze a lungo termine come danni cognitivi, difficoltà di apprendimento, difficoltà di linguaggio e comprensione, incapacità di giudizio, compulsività e conseguente disadattamento in ambito sociale.

Dal punto di vista psicologico i bambini che crescono in un ambiente di alcolisti svilupperanno il più delle volte sensi di colpa, ansia, imbarazzo, confusione, rabbia e depressione.

Un bambino si sentirà sempre responsabile della dipendenza da alcool del suo o dei suoi genitori. Egli infatti penserà che se si fosse comportato meglio o se fosse stato più intelligente suo padre o sua madre non si sarebbero dati all'alcool.

Il bambino inoltre vivrà sempre nell'ansia e nel timore che il genitore alcolista possa fare del male a se stesso o agli altri e sarà esposto ogni giorno al rischio di essere abusato psicologicamente e/o fisicamente. Un ambiente familiare di questo tipo è spesso caotico e privo di quelle routine che costituiscono un aspetto fondamentale della vita di un bambino. L'adulto alcolista è soggetto a sbalzi di umore con cambiamenti repentini nel suo modo di rapportarsi con gli altri e questo atteggiamento può essere molto difficile da comprendere per un bambino che rimarrà sempre in uno stato di alto controllo e mai di tranquillità. Solitudine, isolamento e confusione sono stati d'animo che possono portare il bambino anche alla depressione, all'ansia e a pensieri o, nel peggiore dei casi, ad azioni suicide.

L'abuso di alcool in una famiglia può inoltre portare alla distruzione della famiglia stessa, può rovinare un matrimonio e può facilmente portare gli individui ad avere seri problemi economici.

L'alcool debilita le facoltà cognitive e fisiche e ciò in qualche modo avrà come conseguenza una trascuratezza delle proprie responsabilità siano esse associate con il lavoro, la famiglia o la scuola. Riprendersi dopo aver abusato di alcool richiede tempo e rende le persone meno lucide e presenti al lavoro o a scuola, porta a comportamenti poco sani come fare poco esercizio fisico o mangiare in modo disordinato.

L'alcolismo può esporre una persona a maggiori problematiche di tipo legale. E' facile che un alcolista possa guidare sotto l'effetto dell'alcool causando danni alle cose o alle persone e esponendosi al rischio di perdere la patente.

Il risultato di tutto ciò è che il tempo, le risorse e gli sforzi precedentemente dedicati alle normali attività quotidiane come il lavoro e la famiglia vengono disintegrati.

Inoltre, il problema spesso emerge per motivi comportamentali (cambiamenti nel comportamento che diventano ingestibili dalle persone vicine, aggressività, assenze dal lavoro, incidenti ecc.) e non per ammissione del problema da parte della persona dipendente.

Esistono sul territorio alcune strutture che si occupano di alcolismo come ASL e Associazioni di Auto Mutuo Aiuto.Inoltre ci si può rivolgere ad uno psicoterapeuta specializzato del territorio. Il percorso di cura è lungo e difficile ed è senz'altro più efficace un approccio integrato di più figure specializzate. Il supporto è di vitale importanza non solo per l'individuo ma anche per i familiari.

La psicoterapia funzionale prevede un intervento su tutti i piani: comportamentale, emotivo, fisiologico, cognitivo. L'obiettivo è ripristinare i funzionamenti alterati attraverso la ricostruzione delle esperienze vissute in modo non completo.

Il trattamento con terapia EMDR interviene sui traumi che possono aver condotto la persona alla dipendenza da alcool.

Dott.ssa Vania Camerin Psicologa Psicoterapeuta Funzionale ed EMDR (Montebelluna e Conegliano TREVISO)

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Vania Camerin Psicologa Psicoterapeuta

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su emdr