Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Eiaculazione senza piacere: possibile?

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Ci sono alcune situazioni particolari durante le quali una persona arriva alla eiaculazione senza però provare alcun tipo di piacere.

18 DIC 2019 · Tempo di lettura: min.
Eiaculazione senza piacere: possibile?

Ci sono alcune situazioni particolari durante le quali una persona arriva alla eiaculazione senza però provare alcun tipo di piacere.

Iniziamo a provare a dare un nome a questa situazione, cosi da poterla poi nel caso comunicare ad uno specialista più adatto. Potremmo chiamare questo fenomeno anedonia eiaculatoria o eiaculazione anestetica. Con il variare dell'età ci possono essere delle alterazioni sessuali che devono solo essere comprese per dare un nuovo assetto alla sessualità. Infatti dopo i 50 anni ci può essere un deficit ormonale che può causare una alterazione della libido e del piacere, in altri casi disfunzione erettile o alterazione dell'eiaculazione. Se prima solo con la vista ci si eccitava molto, ora è necessario che ci siano più accorgimenti, che i tempi si allunghino un po' per arrivare a provare piacere. Inoltre parlare di erezione, eiaculazione e poi di orgasmo, non è la stessa cosa. Si definisce eiaculazione l'insieme dei fenomeni finalizzati alla progressione dei componenti dello sperma nella via seminale e, di qui, verso l'esterno (Cociglio, 2002).

Ciò avviene a seguito della fase di eccitazione e corrisponde solo in parte all'orgasmo.Lo stimolo eccitatorio determina un afflusso di sangue elevato nei corpi cavernosi del pene, che vanno quindi a determinare l'erezione e l'inturgidimento del pene. Addirittura erezione ed eiaculazione non sono sempre collegate, ciascuna è possibile senza l'altra. E si può avere una eiaculazione senza orgasmo, ovvero senza provare quelle contrazioni muscolari che suscitano poi il piacere.

L'orgasmo è quella esperienza sensoriale provocata dalle contrazioni ritmiche della muscolatura degli organi sessuali e del pavimento pelvico e consiste nel raggiungimento del picco di piacere fisico e mentale.

Dunque l'eiaculazione e l'orgasmo sono due fenomeni diversi tra loro, seppur la maggior parte delle volte avvengano insieme.

Dopo l'orgasmo vi è una fase refrattaria che viene influenzata fortemente da aspetti emotivi ed affettivi, ed anche questa si modifica con l'età. Dopo i 50 anni spesso questa fase si allunga, quindi se da una parte può modificarsi la fase eiaculatoria e orgasmica, creando minor frequenza, invece la persona potrà continuare ad avere una buona risposta erettile sia come qualità che come frequenza. Quindi il pene potrà mantenere una certa rigidità più a lungo nonostante l'eiaculazione. Il piacere quindi non deve essere più considerato limitato alla scarica eiaculatoria, ma si devono prendere in considerazione anche gli aspetti della salute fisica, psicosessuale e relazionali. Per questi motivi è necessario chiedersi e capire prima di tutto da quando è insorto un determinato problema.Ho sempre avuto questo tipo di sessualità o è la prima volta? Sto prendendo dei nuovi farmaci? Ho avuto dei sintomi medici o delle problematiche fisiche in questo periodo che prima non avevo, magari a livello prostatico? Ho cambiato partner o sto avendo degli stress aggiuntivi che prima non avevo?Tendo a voler mantenere il controllo più del solito in tutte le situazioni compresa quella sessuale? Chiedersi e analizzare la propria situazione nell'arco di tempo in cui si è iniziato a presentare il problema è fondamentale.

Ricordiamoci infatti che la sessualità esprime sempre una condizione di benessere psicofisico. Detto ciò dopo aver risposto alle varie domande, se è una condizione nuova, il consiglio è sempre di parlarne prima di tutto con un andrologo, per verificare che a livello medico sia non ci siano problemi o interferenze, e successivamente chiedere una consulenza più approfondita a una psicosessuologa poiché spesso le cause che scatenano un disturbo della sensazione orgasmica sono di natura relazionale e psicologica.

Scritto da

Dott.ssa Giada Viprati Psicologa e Sessuologa

Lascia un commento

ultimi articoli su orientamento sessuale