E se il bisogno di sentirsi amati diventa ossessione?

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Per potersi sentire amati è necessario innanzitutto amare se stessi.

28 dic 2017 · Tempo di lettura: min.
E se il bisogno di sentirsi amati diventa ossessione?

"Ah, è un inferno essere amati da chi non ama né la felicità, né la vita, né se stesso, ma soltanto te", Elsa Morante.

Avere amici, una famiglia o anche un partner che ci ami è una necessità piuttosto comune nella vita di ogni persona. Nonostante ciò, per alcuni, la necessità di voler sentirsi amati si trasforma in una vera e propria ossessione.

Si tratta di persone che spesso, pur di ricevere affetto, si sacrificano enormemente e che, di conseguenza, non ottengono quello che vogliono.

Sentirsi amati è necessario, tuttavia questo senso di vuoto non può trasformarsi nell'unico obiettivo della nostra vita. Prima di tutto è fondamentale amare noi stessi per poter avere relazioni sane e mature con gli altri.

Conoscere prima se stessi può rivelarsi un compito arduo e lungo, per questo cerchiamo di riempire questo vuoto con l'affetto esterno. Si tratta di un'ossessione per l'amore che nasce dalla necessità e dalla paura, non dalla libertà personale e dal benessere. Chi ha l'ossessione di volersi sentire amato diventa dipendente dagli altri, sperando che lo possano salvare da se stesso. Spesso questa necessità deriva da una storia familiare piena di carenze, con genitori che non hanno saputo fortificare l'autostima del bambino. L'amore, dunque, diventa l'unico mezzo per ricevere l'approvazione degli altri. Chi è ossessionato dall'avere un partner, ad esempio, riesce a sentirsi in pace solo se viene accettato dall'altra persona, rischiando così di cadere nella dipendenza affettiva o, nei casi peggiori, in relazioni tossiche e violente.

Questa persona, infatti, si accontenterà di qualsiasi cosa pur di ricevere l'affetto o l'amore degli altri, senza chiedersi se siano gli amici o il partner giusti. Così, inizia un circolo vizioso che la porta da una relazione all'altra senza soddisfazione. Le persone che sentono questo vuoto sono solitamente ansiose, pessimiste e appaiono disperate agli occhi degli altri. Per questo, si riducono drasticamente le possibilità di essere ricambiati. D'altra parte, inoltre, anche la stessa società impone di seguire un certo tipo di stile di vita. Sposarsi e trovare entro una certa età il partner "giusto" sono imposizioni che ci rincorrono ogni giorno e che ci spingono a crearci ansie che non dovremmo avere. Si tratta di una società che ci impone di piacere agli altri ma non a noi stessi.

Ciò che dobbiamo cambiare è il punto di partenza. Non possiamo trattare l'amore come una necessità ma come un desiderio. Non possiamo andare alla ricerca ossessiva dell'amore ma dobbiamo aspettare pazientemente che l'affetto e l'amore vengano a noi senza forzature.

Nel frattempo, dobbiamo avere il coraggio di stare con noi stessi, di accettare la solitudine e di fare un percorso solitario che possa riempire quel vuoto con ciò che ci fa stare bene. Potenziare l'autostima è fondamentale per migliorare noi stessi e le nostre relazioni con gli altri, evitando di sacrificare qualsiasi cosa pur di ottenere l'amore altrui. Solo in questo modo sarà possibile riconoscere l'amore e le persone che realmente possono amarci e che fanno al caso nostro.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul tema, puoi consultare il nostro elenco di professionisti esperti in dipendenza affettiva.

psicologi
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento
Commenti 1
  • Anna Ferrucci

    Io soffro esattamente di questo problema. Ho provato di mio a cercare di risolverlo...pensando che maturando prima o poi lo avrei debellato...ora vivo in un inferno emotivo come una trappola...e non ce la faccio più. Ne sto uscendo pazza...Sono di Agrate B. za. Non so a chi potrei " affidarmi" in zona...anni fa mi sono "affidata" ad una persona che ha abusato della mia persona giocando su questa debolezza. Help me