Disturbo ansioso depressivo misto: sintomi e trattamento

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Il disturbo ansioso depressivo misto causa conseguenze negative a livello sociale e lavorativo, rendendo difficile la vita di tutti i giorni.

24 ott 2017 · Tempo di lettura: min.
Disturbo ansioso depressivo misto: sintomi e trattamento

Cosa s'intende per disturbo ansioso depressivo misto? Perché la diagnosi è così complessa? Qual è il trattamento più adatto per questa patologia?

Ansia e Depressione

Per ansia s'intende uno stato d'animo che si caratterizza per l'anticipazione di un pericolo che non è reale o che comunque causa una reazione sproporzionata, provocando sintomi fisici come la tensione. Per depressione, invece, s'intende un disturbo dell'umore che scatena una serie di sintomi psichici come la tristezza e l'angoscia, e sintomi fisici come la stanchezza e i disturbi gastrointestinali.

A volte, i due disturbi possono convivere e, in questo caso, si parla di disturbo misto ansioso depressivo o di depressione ansiosa. Si tratta di un disturbo a sé stante che comprende caratteristiche di entrambe le patologie.

Caratteristiche sindrome ansioso depressiva

La sindrome ansioso depressiva è uno delle patologie più diffuse, ma non è sempre facile riconoscerlo, perché presenta appunto i sintomi di entrambe le patologie, l’ansia e la depressione, e per questo potrebbe portare a confondersi.

Anche nel manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, questa patologia è trattata come qualcosa a sé stante I sintomi di questa sindrome sono molto e portano a un disagio abbastanza grande visto che inficiano molti aspetti della vita sociale e quotidiana, passando dagli affetti alla sfera lavorativa.

Per questo se dovessero sorgere delle sintomatiche che vi possono fare credere di soffrire questa patologia non dubitate a contattare il medico o un terapeuta.

ansia depressione

Quando la sindrome è reattiva

Come la depressione reattiva, anche la sindrome ansiosa depressiva reattiva si manifesta dopo un evento doloroso scatenante (un lutto, una perdita, una malattia, una sconfitta, etc).

Non è facile distinguere la patologia reattiva da quella normale: l’unica differenza risiede appunto nella connessione tra l’evento e lo stato ansioso depressivo, ma i sintomi e le caratteristiche sono le stesse.

I sintomi delle depressione ansiosa reattiva si manifestano in maniera acuta e improvvisa, e coinvolgono sia la parte psichica, fisica e fisiologica del soggetto. Vediamo più da vicino i sintomi della depressione ansiosa.

Sintomi depressione ansiosa

I sintomi della depressione ansiosa sono molti. Come abbiamo visto per diagnosticare che ci troviamo davanti a un disturbo depressivo ansioso, bisogna realizzare una diagnosi differenziale, per non confondere tale patologia con la depressione o l’ansia.

Quali sono i sintomi principali?

  • Difficoltà di memoria e di concentrazione
  • bassa autostima;
  • pessimismo;
  • irritabilità;
  • stanchezza;
  • facilità al pianto;
  • preoccupazione eccessiva;
  • umore disforico;
  • disturbi del sonno.

Questi e altri sintomi (ad esempio bocca secca, tremori, palpitazioni o disturbi gastrici) devono presentarsi almeno per due settimane o durante un mese e non devono essere imputabili ad altri tipi di disturbi.

I sintomi, inoltre, devono presentarsi nello stesso periodo. Nessuna delle due patologie, infatti, deve presentarsi in maniera più accentuata rispetto all'altra né avere un'intensità molto elevata o, in tal caso, si tratterebbe di due patologie distinte.

sintomi depressione ansiosa

Sintomi fisici

Approfondendo la parte dei sintomi fisici della della depressione ansiosa, potremmo dire, che oltre ai sopracitati, alcuni dei più comuni sono:

  • Cefalea
  • Disturbi dell’apparato gastro-intestinale o muscolo-scheletrico
  • Vertigini
  • Secchezza della fauci
  • Tachicardia
  • Tremori
  • Disturbi del sonno

Questi sintomi fisici vanno di pari passo con sintomi caratteriali e psichici, formando il quadro completo di quelli che sono i sintomi del disturbo ansioso depressivo-misto.

Sbalzi d’umore

Un accenno speciale va fatto in considerazione dell’umore disforico o degli sbalzi di umore.

Abbiamo sottolineato come in questi casi sia necessario aspettare almeno 4 settimane, per poter essere definito depressione ansiosa.

Ma cosa vuol dire umore disforico?

Il termine disforia in psichiatria è utilizzato per indicare un’alterazione dell’umore in senso depressivo, a cui si accompagnano nervosismo e irritabilità. È il contrario dell’euforia.

Questo tipo di sintomo è associato anche ad altre patologie, come il disturbo borderline o bipolare, ma è il sintomo per eccellenza della depressione e la sua presenza prolungata può definire l’insorgere della malattia.

cause conseguenze depressione ansiosa

Cause e conseguenze

Il disturbo ansioso depressivo misto causa conseguenze negative a livello sociale e lavorativo, rendendo difficile la vita di tutti i giorni. La mancanza di voglia di svolgere qualsiasi attività, la tristezza e la bassa autostima, infatti, rendono difficili non solo le attività professionali ma possono mettere a dura prova anche le relazioni con gli altri. Questa patologia, inoltre, può causare ulteriori conseguenze come ad esempio l'abuso di sostanze.

Sono ancora in corso gli studi su questa patologia ma, attraverso le ricerche già eseguite, si pensa che le cause siano di diverso tipo, da quelle biologiche a quelle ambientali. Sono più propense a soffrire di questo disturbo, ad esempio, le persone che hanno subito traumi durante l'infanzia all'interno del contesto familiare, che vivono costantemente sotto stress o che soffrono di malattie croniche.

Nonostante appunto le cause non siano ancora ben definite possiamo definire i fattori di rischio della depressione ansiosa con:

  • episodi traumatici
  • Stati di indigenza
  • Storia familiare caratterizzata da malattie mentali e influenza genetica
  • Mancanza di una rete sociale.

L’incidenza di tale disturbo si situa intorno al 2% in generale.

shutterstock-241534381.jpg

Come guarire dalla depressione ansiosa

Si può guarire dalla depressione ansiosa attraverso una diagnosi e una terapia adeguata.

Il primo passo per uscire dalla depressione ansiosa, come in qualsiasi altra patologia è riconoscere di avere un problema.

A livello statistico, il tempo medio tra l’insorgere della patologia e la terapia è di due anni: è importante pertanto riconoscere i sintomi, e se si nutrono dei dubbi o si provano sentimenti di tristezza non normale, chiedere aiuto a uno specialista del settore.

Questo tipo di disturbo è un disturbo complesso, e la sua cura richiede un’alta personalizzazione e pertanto bisogna armarsi di un po’ di pazienza prima di arrivare al trattamento adeguato. Esistono diversi tipi di terapie a seconda dei bisogni del soggetto o della gravità della patologia.

Vediamo più da vicino le diverse terapie e i rimedi farmacologici e naturali per curare la depressione ansiosa.

Il trattamento

Il disturbo ansioso depressivo misto è ritenuto un quadro patologico a sé stante ma, a causa della compresenza di sintomi ansiosi e depressivi, può essere complicato da riconoscere. Per superare questa patologia può essere utile, ad esempio, sia la terapia cognitivo-comportamentale che quella farmacologica con l'utilizzo di diverse medicine come ansiolitici e antidepressivi.

Il professionista avrà il compito di ridurre i sintomi del disturbo ansioso depressivo misto, attraverso tecniche di rilassamento e di respirazione, per esempio. In questo modo, il paziente potrà iniziare a riprendere alcune attività che ha abbandonato a causa delle conseguenze del disturbo. È necessario cambiare alcune strutture mentali e idee che causano l'apparizione dei sintomi e riportare pian piano il paziente alla vita di tutti i giorni.

Durante la terapia, inoltre, può essere molto utile eseguire attività fisica, mantenere un'alimentazione equilibrata e iscriversi a un corso di meditazione o di mindfulness per migliorare il proprio stato d'animo e imparare ad affrontare al meglio i sintomi del disturbo misto ansioso depressivo.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul tema, puoi consultare il nostro elenco di professionisti esperti in ansia e di specialisti nella cura della depressione.

Farmaci e rimedi per depressione ansiosa

È difficile identificare i farmaci per curare la depressione ansiosa, perché alcune sostanze hanno principi attivi che funzionano meglio su una patologia piuttosto che un’altra.

Normalmente si ricorre a farmaci antidepressivi in combinazione con ansiolitici, come le benzodiazepine. Ovviamente bisogna iniziare una terapia farmacologia sempre sotto consiglio medico e psichiatrico.

Negli ultimi anni all’interno psicologia cognitivo comportamentale, ha preso pieno l’orientamento neuro scientifico. Questo filone della psicologia cerca di individuare quali sono le origini cognitive e emotive degli squilibri che hanno dato origine alla depressione ansiosa, cercando di identificare cosa li accomuna

A livello di rimedi naturali, si possono trovare delle terapie complementari da realizzare con la cura farmacologia (sempre sotto supervisione medica e psichiatrica). In particolare è risaputo che l’esercizio fisico possa aiutare a migliorare la patologia, in particolare alcuni esercizi meditativi come lo yoga o la mindfulness o i massaggi shiatsu.

Anche alcune infusioni o medicine naturali che favoriscano il sonno o il riposo, possono essere presi in considerazioni, previa consultazione medica. Inoltre è consigliabile seguire uno stile di vita sano, con una dieta equilibrata che eviti cibi eccitanti o alcool e droghe, senza trascurare la vita sociale o i piccoli piaceri quotidiani.

psicologi
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Bibliografia

  • https://mayoclinichealthsystem.org/hometown-health/speaking-of-health/addressing-your-mental-health-by-identifying-the-signs-of-anxiety-and-depression
  • https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/depression/expert-answers/depression-and-anxiety/faq-20057989
  • https://www.healthline.com/health/physical-symptoms-of-anxiety
  • https://it.wikipedia.org/wiki/Disforia

Lascia un commento
Commenti 5
  • Maria Letizia Parrinello

    Io mi chiamo Maria Letizia ho 15 anni e soffro di attacchi di panico da tre anni e mezzo e vedo un ombra che mi parla veloce ma io non riesco a capire quello che mi dice.. Ogni qual volta che devo fare qualcosa non la faccio con orgoglio... Ma sforzata è mi annoia tantissimo. HO preso per un paio di giorni il citalopram ma poi ho smesso perché avevo paura... Ma io.... Io non c'è la faccio più... Mi potete aiutare?

  • Francesca vestita

    Salve...io soffro di ansia e attacchi di panico che in passato ho curato con i farmaci, da un anno li ho interrotti e sia l ansia che l attacco di panico puntualmente sono tornati nonostante da un anno faccio anche psicoterapia....afesso mi chiedo quando è necessario prendere i farmaci e quando no? Io sono stanca di stare tutt i i giorni cosi ma non so se fare un passo indietro e prendere i farmaci o insistere con la psicoterapia

  • Fra9994

    È un disturbo bipolare con caratteristiche miste (ex stato misto)... 'Sindrome ansioso depressiva mista' non è una diagnosi.

  • Svetlana regola

    Salve, un periodo che la notte mi sveglio come se mi dovesse venire un infarto sento la circolazione arrestarsi x un momento per questo mi sveglio all'improvviso della notte con palpitazioni, sento il cuore come se mancasse qualche colpo. Mi viene agitazione a volte mi alzo mi vengono le vertigini non sempre. Cosa può essere? Da febbraio dell anno scorso che sono iniziate

  • domenico esperti

    salve mi chiamo domenico esperti ho il disturbo ansioso depressivo da parecchi anni mi prendo anche dei medicinali che me li ha scritto il mio specialista pero' non ho dei risultati positivi faccio fatica ad 'ambientarmi e a fare le cose ho paura di sbagliare e non ho sicurezza in me in quello che faccio c'e' qualkuno disponibile x aiutarmi?