Cosa non dire a una persona depressa?

In Italia sono 4,5 milioni le persone che soffrono di depressione.

23 mar 2017 Psicopatologie - Tempo di lettura: min.

psicologi

"Non ci sono depressioni incurabili. Occorre ripeterlo senza stancarsi a chi ne soffre: è una malattia che, come molte altre, con i trattamenti migliora rapidamente, fino a scomparire. Quando non se ne esce, si tratta o di depressioni non curate o di depressioni mal curate. Oppure di altre malattie", Giovanni B. Cassano.

La depressione è un disturbo sempre più comune. Secondo l'Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) attualmente sono 322 milioni le persone che ne soffrono, un 4,4% della popolazione mondiale. Secondo le stime dell'organizzazione, inoltre, nel 2030, la depressione sarà la malattia cronica più diffusa al mondo.

In Italia, secondo i dati presentati dal Libro Bianco sulla depressione dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda), sono 4,5 milioni le persone che soffrono di depressione. Ad essere più colpite sono soprattutto le donne.

La parte più complessa di questo disturbo non è solamente il percorso di cura e guarigione ma anche il riconoscimento della malattia. Durante questo cammino faticoso è indispensabile che familiari e amici siano pronti ad appoggiare la persona affetta da depressione. Nonostante sia un compito complesso, è possibile svolgerlo nella miglior maniera possibile soprattutto attraverso l'ascolto e l'empatia.

Per poter appoggiare una persona che soffre di depressione è preferibile evitare alcune frasi che tendono a minimizzare o a banalizzare la depressione. Si tratta di un disturbo complesso e lungo da affrontare che attacca la persona in tutti i campi della sua vita.

Ecco alcune delle frasi da non dire a una persona depressa.

  • Non capisco perché tu sia depresso, tutti abbiamo problemi!

Se pensi di aiutare la persona che hai accanto e che sta male con una frase simile, beh...sbagli di grosso.

  • Non è poi così grave, e uscirne non è poi così difficile. Devi sforzarti di più!

Minimizzare non aiuta, in nessun modo e in nessun momento.

  • C'è chi sta peggio di te.

Cercare di consolare attraverso generalizzazioni inutili porta solamente chi soffre di depressione a sentirsi incompreso. Per lui è complicato guardare verso l'esterno e comparare la propria situazione con quella altrui.

  • Vuoi solo attirare l'attenzione!

Chi soffre di depressione non ha nessuna voglia di sentirsi al centro dell'attenzione. Al contrario, questo disturbo porta la persona a isolarsi sempre più dall'esterno e dagli altri.

  • Basta prendere le medicine!

Nonostante i farmaci siano un aiuto importante nella lotta contro la depressione, non si tratta di una pozione magica. Una grande parte del lavoro viene fatta dal paziente e dal suo percorso terapeutico. Minimizzare il disturbo non farà altro che ridurre l'autostima della persona depressa.

  • Tu non vuoi stare meglio.

La depressione non scompare immediatamente dopo la diagnosi. Far sentire in colpa il paziente non fa altro che aggiungere negatività al percorso e farlo sentire inutile.

  • Non ti manca nulla per essere felice.

La depressione può colpire indipendentemente dalla condizione lavorativa, economica, familiare o sociale. Chi soffre di depressione ha un senso di vuoto che gli impedisce di vedere cosa sta succedendo nella sua vita.

Se queste sono solo alcune delle frasi da evitare, quali sarebbe preferibile dire a una persona che soffre di depressione?

Facciamo qualcosa insieme?

Cosa posso fare per te?

Sono qui.

Non sei solo.

Niente: spesso il silenzio e l'ascolto sono i migliori strumenti per appoggiare il paziente nella sua lotta contro la depressione.

Ora vi lasciamo un video realizzato da GuidaPsicologi che tratta proprio questa tematica.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul tema, o se pensi che qualcuno vicino a te possa avere questo problema, puoi consultare il nostro elenco di professionisti specializzati in depressione.

0 Mi piace

Lascia un commento

INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
Finalità:
a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
Legittimità: Consenso dell’interessato.
Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su guidapsicologi.it/proteccion_datos

Articoli correlati