Controdipendenza: la paura dei legami

Alla base della controdipendenza c’è la paura di soffrire.

18 dic 2018 Psicopatologie - Tempo di lettura: min.

psicologi

«Il dubbio o la fiducia che hai nel prossimo sono strettamente connessi con i dubbi e la fiducia che hai in te stesso», Khalil Gibran.

Sentiamo sempre più spesso parlare di dipendenza affettiva, ossia il caso in cui una persona dipende emozionalmente da un’altra, ad esempio dal partner. Si tratta di una condizione nociva che può avere conseguenze piuttosto gravi. Allo stesso tempo, però, si parla ancora troppo poco della condizione opposta: la controdipendenza. Di cosa si tratta?

Con questo temine s’indica la paura dei legami affettivi.

Chi ne soffre non riesce ad avere relazioni profonde e tende a lasciare fuori gli altri dalla propria vita. Per questo, preferisce rapporti effimeri e superficiali, anche se non vuol necessariamente dire che la persona viva un isolamento.

Al contrario. Tende a partecipare a qualsiasi tipo di evento sociale. Pur vivendo costantemente al fianco di altre persone, il controdipendente non riesce a creare con loro una connessione profonda.

pur avendo una facilità estrema nell’interagire con gli altri, tende a fuggire dalle relazioni più profonde. Si sente in gabbia e crede di non aver bisogno dell’aiuto degli altri. Perché si mettono in moto questi comportamenti? Alla base della controdipendenza c’è la paura di soffrire. Per questo, la conseguenza è quella di fuggire dalle relazioni non superficiali perché vengono viste come fonte di sofferenza.

Che lo vogliamo o no, le relazioni sociali comportano alcuni rischi, come l’abbandono o il conflitto. La controdipendenza viene utilizzata come un’arma per difendersi da questi pericoli: piuttosto che correre il rischio di soffrire è meglio evitare le relazioni stesse. Per questo, è preferibile evitare del tutto questi rischi. La conseguenza principale della controdipendenza, dunque, è la fuga, scomparire all’improvviso dalla vita degli altri senza offrire una spiegazione ragionevole. Agli occhi degli altri, infatti, queste persone risultano incomprensibili, sembrano sempre occupati, appaiono spesso superiori e con la tendenza a disprezzare. I controdipendenti sono sempre impegnati a raggiungere i propri obiettivi e vedono con una certa altezzosità e come una perdita di tempo le relazioni profonde, indipendentemente che si tratti di un partner, dei familiari o degli amici.

Cosa si nasconde dietro la controdipendenza?

Come abbiamo già detto precedentemente la controdipendenza nasce essenzialmente dalla paura dei legami affettivi. Solitamente, questo timore è causato dalle esperienze passate, magari da un abbandono o da un trauma accaduto durante l’infanzia o da relazioni di coppia terminate male. La paura di tornare a soffrire porta queste persone a prendere le distanze da qualsiasi rapporto che possa implicare un legame profondo.

Tuttavia, la questione principale è che la maggior parte delle persone che soffrono di controdipendenza non credono di avere un problema. La loro decisione di essere diffidenti nei confronti degli altri, le fa sentire potenti e superiori rispetto alle altre persone. L’idea che gli altri si avvicinino, infatti, le fa sentire di non avere il controllo sulla situazione. Dietro questa idea, però, si nasconde spesso una grande solitudine e insicurezza che se non viene affrontata seriamente rischia di trasformarsi in una grande infelicità.

 Articolo rivisto e corretto da Matteo Monego  

5 Mi piace

Lascia un commento

INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
Finalità:
a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
Legittimità: Consenso dell’interessato.
Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su guidapsicologi.it/proteccion_datos

Commenti (2)

Articoli correlati