Conflitti emotivi irrisolti: come recuperare l’equilibrio emotivo

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Come si generano i conflitti emotivi irrisolti? Come superarli?

12 giu 2019 · Tempo di lettura: min.
Photo by Milada Vigerova

La sofferenza è parte delle nostre emozioni. Bisogna viverla e sperimentarla per superare il problema che l’ha causata.

Un colpo emotivo causato dalla perdita di una persona cara, un licenziamento, un confronto familiare o una rottura possono causare un disagio emotivo che, se non curato, porterà all'insonnia, al disagio fisico e potrebbe persino aggravarsi.

Normalmente affrontiamo i problemi che ci troviamo di fronte con successo. Ciò non significa che non ci interessino, ma che siamo in grado di superare l'afflizione che molti di loro ci causano. Nonostante questo ci sono momenti in cui la sensazione di dolore emotivo è così grande da causare ciò che gli specialisti chiamano un conflitto emotivo irrisolto, che fa sì che la nostra mente usi vari strumenti per cercare di nascondere la sofferenza, che a sua volta causa un malessere maggiore che può provocare problemi fisici o psicologici più gravi.

Perché il nostro cervello si comporta così?

Quando subiamo una perdita importante (che si tratti di lavoro, famiglia, amore o morte di una persona cara), il nostro cervello impedisce a quella sofferenza di essere prolungata troppo a lungo perché ci provoca disagio. Tendiamo a cercare di evitare pensieri che ci ricordano quella perdita, negare che sia successa o cercare di razionalizzarla per capire cosa è potuto succedere. Ci sono dei momenti in cui arriviamo a idealizzare ciò che abbiamo perso.

È un meccanismo naturale che, sebbene possa sembrare benefico poiché riduce ansia e dolore, a lungo andare è dannoso, perché non abbiamo attraversato la fase di lutto necessaria per accettare la perdita e, quindi, quel problema finirà per palesarsi o manifestarsi prima o poi. All'inizio potrebbe sembrare che ci siamo ripresi e che stiamo meglio, ma il passare del tempo porterà con sé problemi di sonno, mal di stomaco, mal di testa, tristezza, apatia, stress...

Come affrontare un conflitto emotivo irrisolto?

Gli psicologi consigliano di affrontare la perdita e di concentrarci su quella fase del lutto necessaria per accettare il dolore emotivo e incorporarlo nella nostra vita. Perché, diversamente da ciò che crediamo, il dolore e il disagio, la tristezza e la rabbia fanno parte del nostro sviluppo come esseri umani.

Cercare di nascondere quelle emozioni con un eccessivo ottimismo è dannoso, perché il conflitto emotivo non risolto tornerà e non ci permetterà di continuare con la nostra routine.

In breve, ciò che i professionisti dicono è che è importante passare attraverso queste fasi in modo che possiamo superarle e rafforzare la nostra stabilità emotiva. Quindi è necessario parlarne, piangere, arrabbiarsi, sentirsi tristi...È sano per passare attraverso tutto questo e integrare queste emozioni nella nostra vita, perché hanno uno scopo ben preciso: aiutare a risolvere i problemi, il che è essenziale per superarli.

Come abbiamo notato, evitare di parlarne o nascondere il nostro disagio con un’alta dose di ottimismo può essere dannoso per la nostra stabilità mentale, perché il dolore è ancora presente e alla fine causerà disturbi d'ansia, insonnia e persino depressione. Ci sono persone che vanno oltre e ricorrono ad altri mezzi ugualmente pericolosi per sfuggire al problema: alcool, droghe, gioco d'azzardo... Altri derivano quel dolore emotivo servendosi del dolore fisico e dell'autolesionismo, per trasformare quindi quella sofferenza mentale in una realtà.

Il modo migliore per recuperare l'equilibrio emotivo smarrito a causa di una perdita è passare attraverso di essa, piangerla e soffrire. E se fa molto o troppo male e non riusciamo ad affrontarla, è importante chiedere aiuto professionale.

psicologi
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Lascia un commento