Comunicare non basta

Il comunicare non implica la comprensione di quello che diciamo, ma solo un tentativo di esprimersi e di essere successivamente compresi

3 MAR 2015 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Comunicare non basta

Secondo il primo assioma della comunicazione " È impossibile non comunicare. In qualsiasi tipo di interazione tra persone, anche il semplice guardarsi negli occhi, si sta comunicando sempre qualche cosa all'altro soggetto". (Watzlawick, P., Beavin, J.H., Jackson, D.D. in Pragmatica della comunicazione umana).

E allora perché spesso si ha la percezione di non riuscire a farlo? Credo si debba fare un po' d'attenzione: il comunicare non implica la comprensione di quello che diciamo, ma solo un tentativo di esprimersi e di essere successivamente compresi.

Più informazioni si danno al nostro interlocutore più egli riuscirà a scorgere il significato delle nostre parole nei nostri termini.Il significato delle nostre parole tuttavia non è sovrapponibile a quello degli altri pertanto quando parliamo con qualcuno dovremmo fare attenzione ai significati dell'altro. Stessa cosa ovviamente vale per i silenzi.

L'illusione che trascorrere tempo insieme sia sufficiente

Trascorrere del tempo insieme può essere un vantaggio quando ci permette di creare significati condivisi grazie alle esperienze vissute e co-costruite. Capire a colpo d'occhio un nostro intimo, comprendere il suo senso è un'aspirazione e al tempo stesso un rischio perché il pensiero implicito è sempre in agguato pronto a trovare una logica sottesa basata sui nostri costrutti.

Pensando a questo anni fa sono piombata nel terrore di non riuscire a farmi comprendere e di non poter mai "afferrare" qualcuno.Così mi son data da fare e mi sono messa a studiare, sono andata a curiosare ad incontri e convegni di tutti gli orientamenti, mi sono confrontata con vari colleghi e con le posizioni dei filosofi sulla possibilità dell'esistenza o meno di una mondo che si possa definire reale passando dai rassicuranti pensieri dei realisti all'idealismo più radicale. Ma nessuna posizione riusciva a convincermi, nessuna riusciva ad essere coerente fino in fondo.

Parlare non basta

Poi ho scoperto George Kelly e guardando il mondo attraverso la lente della sua teoria la mia ricerca ha assunto finalmente senso. Ora penso che comunicare non basti. A volte ho la percezione che i mezzi informatici a nostra disposizione aumentino esponenzialmente un'illusione di contatto sulla quale ci accomodiamo pigramente. Credo che il desiderio di comprenderci non sia un lusso ma un'ambizione che possiamo perseguire iniziando con il far attenzione ad alcune piccole cose:

La prima è di sicuro "non dare per scontato che quello che l'altro dice abbia un'unica "vera" interpretazione, che poi, diciamocelo francamente, sarebbe la nostra!

Un'altra grossa mano ce la da il Chiedere, Chiedere e Chiedere, in questo modo non solo eviteremo il rischio di raccontarci una storia privata in cui l'altro è totalmente assente, ma lo scopriremo con tutto il suo mondo di significati e riusciremo ad avvicinarci.Al terzo posto del podio metterei l'essere sempre curiosi di scoprire quanti mondi possibili esistono guardando con gli occhi degli altri, questo ci permetterà di non essere sopraffatti dalle differenze, ma di rimanerne affascinati.« Solo gli imbecilli non hanno dubbi. Ne sei sicuro? Non ho alcun dubbio! »(Luciano De Crescenzo, Il Dubbio)

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Elisa Secco

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

Commenti 1
  • nicoletta

    molto interessante questo punto di vita, grazie dello spunto

ultimi articoli su relazioni sociali