Come restiamo bloccati nel passato

Quando le situazioni incompiute del passato si affacciano nel presente il tempo si cristallizza e diventiamo incapaci di stare nel presente.

12 APR 2018 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Come restiamo bloccati nel passato

Nella mia pratica clinica spesso incontro persone che riportano una sensazione di blocco, di stasi, come se il tempo si fosse fermato. Sprecano tantissime energie nel tentativo di tenere a bada pensieri, emozioni e sensazioni che non sono riconducibili al presente e che sembrano non avere senso. Il risultato è che non riescono a vivere il presente che diventa sempre più sbiadito e privo di senso fino a sfociare in veri e propri vissuti depressivi. Altre volte alcune situazioni del presente risvegliano emozioni latenti che spesso spaventano e attivano meccanismi di difesa molto rigidi ed altamente invalidanti. Tali episodi sono spesso riconducibili a vere e proprie irruzioni del passato che invadono completamente il campo e mostrano tutta la loro potenza ed intensità. Si tratta di interferenze che, da un tempo lontano, tornano a galla e diventano molto difficili da gestire. Spesso la reazione depressiva è infatti una difesa contro il riemergere di tali emozioni spiacevoli. Il lavoro di terapia permette, lentamente, di fare chiarezza per ridare un senso a tutto questo. La psicoterapia della Gestalt, fondata da Fritz Perls, ci permette di comprendere meglio tali irruzioni. In questo modello terapeutico si parla infatti di situazioni incompiute (unfinished business), ovvero di esperienze che, non essendo state adeguatamente elaborate, si ripresentano ciclicamente all'attenzione, in attesa di una risoluzione definitiva. Quante più situazioni incompiute saranno presenti nella vita di una persona, tanto più questa avrà difficoltà a vivere il presente, a rispondere adeguatamente alle cose che succedono e a manipolare l'ambiente per soddisfare i propri bisogni. In questi casi l'obiettivo della terapia è proprio quello di risalire a tali situazioni incompiute per arrivare lentamente a "digerirle" in modo che possano finalmente retrocedere e lasciare spazio a ciò che sta accadendo nel qui e ora. Solo in questo modo il tempo potrà ritornare a scorrere, si potrà tornare a vivere con intensità il presente, senza le distorsioni del passato.

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott. Vincenzo Lucignano

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su depressione