Come individuare un cyberbullo in 5 passi

È stato coniato un nuovo termine per definire quelle forme di aggressività dirette da un bullo verso una vittima, attraverso l'utilizzo di strumentazione elettronica.

11 NOV 2016 · Ultima modifica: 3 NOV 2016 · Tempo di lettura: min.
Come individuare un cyberbullo in 5 passi

Massimo esponente della ricerca riguardante il bullismo, come tradizionalmente conosciuto, fu Dan Olweus nel 1993, quando ancora molte delle tecnologie oggi esistenti quali smartphones, i-pad, ecc. non erano presenti in circolazione.

Olweus svolse delle ricerche all'interno delle scuole norvegesi, per studiare una particolare tipologia di aggressività, che lui definì come bullismo e che descrisse in questi termini:

«uno studente è oggetto di azioni di bullismo, ovvero è prevaricato o vittimizzato, quando viene esposto, ripetutamente nel corso del tempo, alle azioni offensive messe in atto da parte di uno o più compagni. Un'azione viene definita offensiva quando una persona con maggior potere infligge intenzionalmente o arreca un danno o un disagio a un'altra, la quale risulta essere più indifesa».

Olweus, pertanto, sottolineava già le caratteristiche di intenzionalità, ripetizione e sbilanciamento di potere che un'azione doveva contenere poiché potesse essere definita come un atto di bullismo. Con l'arrivo degli strumenti tecnologici, questa forma di comportamento sembra essersi espansa anche attraverso altre forme di comunicazione. È stato pertanto coniato un nuovo termine per definire quelle forme di aggressività dirette da un bullo verso una vittima, attraverso l'utilizzo di strumentazione elettronica come forma di contatto: il cyberbullismo. Dove "Cyber", indica lo spazio virtuale della rete internet.

Ma le caratteristiche del cyberbullismo sono le stesse del bullismo di Olweus inteso in senso classico? Molte sono le scuole di pensiero in merito e, poiché gli strumenti tecnologici hanno caratteristiche proprie, oltre alle caratteristiche già viste in precedenza se ne possono trovare altre particolarmente riferite a questa nuova forma di aggressività:

  • ripetizione: cioè la situazione in cui si subisce derisione, esclusione dal gruppo o aggressività fisica e/o verbale, devono essere avvenute più volte nel giro di qualche settimana (alcuni criteri di ricerca ritengono significativo da tre o più volte al mese);
  • intenzionalità: deve essere presente una volontà chiara e diretta da parte dell'aggressore di procurare dolore o disagio alla vittima, non basta un semplice litigio tra amici o compagni di classe per parlare di bullismo, così come non basta che qualcuno scriva un messaggio denigratorio, ma che poi cessi l'attività disadattiva;
  • sbilanciamento di potere: deve esserci un'asimmetria di potere e di capacità di difendersi tra la vittima ed il bullo, spesso quando questo avviene sui social network, i bulli sono, in verità, persone che la vittima conosce bene in un contesto di realtà, spesso infatti sono ragazzini provenienti dalla stessa scuola frequentata dal bullo, oppure sono parte di gruppi popolari tra i ragazzi della città e questo contribuisce ad incrementare lo sbilanciamento di potere e la mancata reazione da parte della vittima, per timore di ripercussioni faccia a faccia.

Finora abbiamo trattato caratteristiche che possono essere proprie anche del bullismo normale, così come del cyberbullismo; le prossime, invece, saranno più peculiari delle nuove tecnologie.

  • pubblicità: il bullo può operare in modo privato attraverso messaggistica, ma di frequente capita anche che lasci commenti pubblici, o altro, atti a rovinare l'immagine della persona vittimizzata e a crearle disagio su una piattaforma pubblica. Commenti visibili da tutta la cerchia di amici della vittima creano un danno di grave entità, anche rispetto alla propria dimensione interiore, alla capacità di sostegno e sopportazione dell'evento;
  • anonimato: spesso il bullo ha elevate abilità tecnologiche e opera la sua aggressività creando falsi profili da cui importunare le proprie vittime, le quali vivono così un senso di impotenza, non riuscendo a combattere l'avversario efficacemente. La possibilità di anonimato su internet è poi causa dell'accentuarsi e dello slatentizzarsi dell'aggressività dell'uomo e dà modo al bullo di sviluppare l'idea di "farla franca".
In ultimo, possiamo asserire che alcune modalità di aggressività siano maggiormente tipiche del sesso maschile come l'aggressività fisica, le vessazioni e l'aggressività verbale, mentre altre sono maggiormente tipiche della sfera femminile come l'esclusione dal gruppo, i pettegolezzi e le forme di violenza indiretta.Fortunatamente, è stato osservato che almeno per quanto riguarda il cyberbullismo, questo si verifichi seriamente, con le caratteristiche sopra citate, solo nel 5% dei casi, ovvero meno del tradizionale bullismo.

Rimanete connessi!

Scritto da

Dott.ssa Moruzzi Sara

Lascia un commento

ultimi articoli su bullismo