Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come gestisci il tuo tempo?

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Ci capita di sentirci come se la giornata non fosse fatta di un numero sufficiente di ore e di finirla senza aver completato tutto quello che avremmo dovuto fare.

23 APR 2019 · Tempo di lettura: min.
Come gestisci il tuo tempo?

Ci capita di sentirci come se la giornata non fosse fatta di un numero sufficiente di ore e di finirla senza aver completato tutto quello che avremmo dovuto fare. In situazioni come questa, finiamo per ritrovarci rapidamente con un po' di cose accumulate.

Gestire il tempo non significa portare a termine qualsiasi cosa, ma significa trovare il tempo per fare quello che conta di più per noi. Si tratta più di una gestione di sé che una semplice gestione del tempo ed è una competenza importante per migliorare la qualità della vita.

I vantaggi che ne derivano sono molteplici:

  • riduzione dei livelli di stress ed ansia;
  • miglioramento della qualità del sonno;
  • raggiungimento di una migliore stabilità;
  • incremento della produttività;
  • riduzione della frustrazione;
  • incremento del proprio tempo libero;
  • riduzione del tempo sprecato;
  • giovamento della salute;
  • miglioramento dell'efficienza lavorativa.

Prima di tutto gestire il tempo non significa lavorare extra, andando a dormire all'alba per riuscire a terminare le cose. Facendo così riduciamo il sonno di cui abbiamo bisogno, che in media è di 7/8 ore a notte, accrescendo i livelli di stress e aumentare lo stress significa ridurre l'efficienza delle nostre capacità cognitive di cui abbiamo bisogno per essere produttivi.

Come si fa a gestire il tempo?

Impara a conoscere i tuoi punti di debolezza e il tuo stile. Tendi a procrastinare? Ti segni le cose su una lista e poi dimentichi dove l'avevi messa? Questi rappresentano degli ostacoli per il raggiungimento dei tuoi obiettivi. È importante comprendere dove va focalizzata la tua attenzione e cosa cambiare nel tuo approccio per ottenere dei veri cambiamenti.

  • Fare una lista non è proprio la cosa migliore da fare, le liste non tengono conto dei tuoi valori e cosa è importante per te. Quello che bisogna fare prima di tutto è identificare i propri valori e sulla base di essi stabilire cosa ha la priorità.
  • Alla fine di ogni giornata trova spazio per fare un resoconto di quali sono le tre priorità in cima alla tua classifica personale per il giorno successivo. Tieni l'attenzione ben focalizzata su quelle tre priorità. Quando perdi il focus, ridirigi l'attenzione verso quei tre elementi.
  • La lista delle priorità a partire dall'analisi dei tuoi valori va successivamente trasformata in passaggi sequenziali da eseguire. Stabilite le priorità, va identificato cosa fare. La suddivisione va fatta in piccoli pezzi facilmente realizzabili. È molto più semplice vedere i progressi facendo piccoli passaggi piuttosto che grandi e difficili da realizzare. La pianificazione fornisce grosso risparmio di tempo.
  • Trova spazio per ogni cosa, metti le cose dove sai di poterle ritrovare, il disordine porta solo ad una mente disorganizzata e questo ostacola il raggiungimento dei tuoi obiettivi. Trova un sistema che vada bene per te. Questo richiede tempo inizialmente ma al contempo te ne farà risparmiare molto altro nei passaggi successivi.
  • Dai valore al tuo tempo a disposizione. Per quanto impiegare parte della pausa pranzo sui social sia divertente e ti consenta di mantenere contatti anche a distanza con amici e familiari, devi tenere in mente una cosa, più tempo passi su Facebook e Instagram, più difficile sarà tornare alle attività che hanno una certa priorità e non sono così divertenti. I ricercatori sostengono che un uso prolungato dei social-network abbia un impatto negativo sull'autostima. L'abbassamento dell'autostima compromette quella sicurezza interna che ci serve per portare a termine le cose. Concediti dieci minuti di nulla e poi torna a focalizzare l'attenzione su quello che conta davvero.

Articolo della dottoressa Maria Teresa Caputo, iscritta all'Ordine degli Psicologi della Campania

Scritto da

Dott.ssa Maria Teresa Caputo Linkedin

Psicologa Nº iscrizione: Nº iscrizione all’Albo 5836

La dott.ssa è Psicologa e Psicoterapeuta ad indirizzo Cognitivo-Comportamentale, iscritta all'ordine degli Psicologi della Regione Campania. Svolge la professione privatamente occupandosi di disturbi d’ansia, depressione, disturbo ossessivo compulsivo, lutto nell’ età evolutiva e nell’età adulta.

Lascia un commento

ultimi articoli su autorealizzazione e orientamiento personale