Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come fare una to do list!

Compila una to do list: non è solo una lista di cose da fare, non puoi essere frettoloso nel compilarla ma richiede calma, pianificazione e organizzazione.

26 MAG 2020 · Tempo di lettura: min.
Come fare una to do list!

"La cattiva notizia è che il tempo vola. La buona notizia è che tu sei il pilota." Michael Altshuler.

La To Do List è un metodo molto efficace se sai come usarlo.

Cosa devi fare?

Prima di tutto scegli uno strumento di pianificazione che ti consente di avere sotto controllo tutte le attività da svolgere e relative scadenze (carta penna, google calendar, excel, post it….)

1) Compila una to-do list

Non è solo una lista di cose da fare. Non puoi essere frettoloso nel compilarla ma richiede calma, pianificazione e organizzazione.

Scegli il momento in cui compilare la tua lista.

Ci sono due momenti che puoi sfruttare: la mattina molto presto, approfittando della quiete mattutina per definire le priorità della giornata o la il relax della sera, poco prima di andare a dormire, mettendo a tacere ansie e riposando meglio.

Attenzione a non strafare!

Fai una lista breve, che contenga massimo 6 punti. Più la lista è lunga e più produrrà l'effetto opposto: sarai stressato/a perché non riuscirai a cancellare tutti gli impegni e al contempo la tentazione sarà di fare prima i più semplici tralasciando i più importanti.

Definisci un tempo in cui lavorare senza interruzioni, per ogni singolo punto della lista.

  • Definisci i 6 punti, stabilendo cosa è importante , cosa è urgente e cosa è marginale.
  • Ogni volta che hai portato a termine un punto, cancellalo.

Esprimi ogni attività con un verbo: "lavare la macchina" "fare la spesa".

Associa ad ogni attività una scadenza ed una stima del tempo necessario per completarla.

Svolgi le l'attività anche in base al contesto: casa, lavoro, fuori. Ogni volta che ti trovi nel contesto svolgi le attività che lo riguardano o se si sovrappongono dividi le attività in tre blocchi per compiere tutte le attività relative a quel blocco.

2) Definisci gli obiettivi smart

Se non stabilisci degli obiettivi, sei come un capitano in mare senza bussola. Ti puoi sentire perduto/a: d'altronde, come si fa a capire da dove si parte, se non si sa dove si vuole arrivare?

Cosa sono gli obiettivi smart?

Impara a darti degli obiettivi e a chiederti ogni volta se si tratti di obiettivi specifici, misurabili, raggiungibili, realistici e temporizzabili.

Gli obiettivi possono essere giornalieri – che riguardano la tua giornata e cosa devi fare – ma possono essere anche settimanali, mensili e annuali e riguardare la tua vita.

Esempio: vorrei perdere peso. Quanto peso voglio perdere? In quanto tempo? Cosa devo fare per perdere peso?

Sei pronto a compilare la tua to do lista?

Scritto da

Beatrice Pavoni

Lascia un commento

ultimi articoli su autorealizzazione e orientamiento personale