Come educhi i tuoi figli? Scopri che genitore sei

Il nostro modo di educare e di comportarci con i bambini ha una grande influenza sul loro benessere psico-fisico da adulti.

12 set 2018 Bambini e adolescenti - Tempo di lettura: min.

psicologi

«L'impresa più difficile dell'essere genitori è lasciare che le nostre speranze per i figli abbiano la meglio sulle nostre paure», Ellen Godman.

Essere genitori può essere un'esperienza splendida e al tempo stesso terrificante. Non sempre siamo in grado di sapere esattamente come comportarci con i nostri figli, anche se cerchiamo di dare il meglio di noi stessi. Gli errori sono più che normali e non dobbiamo dimenticare che non siamo né possiamo essere infallibili. Nonostante la consapevolezza di poter sbagliare, dobbiamo ricordare sempre che il nostro modo di educare e di comportarci con i bambini ha una grande influenza sul loro benessere psico-fisico da adulti.

Come influenza il comportamento dei genitori la personalità dei bambini?

Durante l'infanzia, i bambini vedono la realtà attraverso il " filtro" che gli offrono i suoi genitori. L'educazione non avviene solamente attraverso la comunicazione verbale, ma anche tramite il linguaggio non verbale e l'esempio che padri e madri offrono giorno dopo giorno. La personalità e l'identità del bambino vengono quindi modellate dall'educazione diretta e indiretta che riceve, per questo è importante che i genitori siano i primi a fornire un buon modello da seguire. È altamente probabile che genitori insicuri, poco affettuosi o molto autoritari, ad esempio, educhino figli altrettanto insicuri, poco autonomi e con difficoltà a livello comunicativo. Al contrario, in una famiglia in cui si dialoga, c'è affetto e buon esempio, il bambino probabilmente svilupperà migliori capacità di adattamento e buoni doti comunicative.

Ovviamente non esiste un modo unico e giusto per educare i propri figli e ogni genitore tenderà a utilizzare modalità proprie per guidarli durante l'infanzia. Pur essendo una mera semplificazione, è possibile classificare la maniera di educare i bambini in diverse categorie, proposte dagli psicologi Maccoby e Martin negli anni '80.

Vuoi scoprire qual è il tuo stile genitoriale? Fai il nostro tes!


Scopri come gli stili genitoriali influenzano il bambino

Genitori autorevoli o dominatori

Sono padri e madri che tendono a imporre regole ferree nell'educazione dei figli e a controllare e a rimproverare il bambino quando commette errori. Solitamente, hanno una relazione piuttosto fredda nei confronti dei bambini e tendono a sottolineare maggiormente i comportamenti e le situazioni negative. I figli di genitori autorevoli solitamente hanno maggiore difficoltà a diventare indipendenti e una ridotta capacità di problem solving.

Genitori permissivi

Sono genitori che impongono pochissime regole ai propri figli, con cui hanno una relazione piuttosto affettuosa e aperta. Tendono a lasciar decidere i bambini e a non imporre punizioni quando si comportano male. I figli che hanno genitori permissivi hanno difficoltà ad accettare le regole e le responsabilità, oltre ad avere scarso autocontrollo.

Genitori positivi

Padri e madri positivi pongono dei limiti chiari ai propri bambini, ma sono sempre pronti a dialogare. Cercano di condividere le proprie decisioni e scelte con i figli e provano a dare il buon esempio. Questo tipo di genitori dà grande importanza alla comunicazione e sono in grado di ascoltare i propri figli. I bambini cresciuti da genitori positivi hanno una buona autostima, empatia e maggiore facilità nelle relazioni sociali.

Genitori disinteressati

La relazione con i propri figli è quasi assente. Non fanno domande, non dialogano con loro e sono interessati poco alla loro vita. Solitamente, si occupano dei loro bisogni fisici ma non psicologici, evitando di dargli consigli, educazione, regole o affetto. In alcuni casi, la situazione può peggiorare e arrivare a casi di abbandono. I bambini che hanno genitori disinteressati hanno un'autostima molto bassa.

family2.jpg

Come evitare gli errori più comuni quando educhiamo i nostri figli?

Indipendentemente dal tipo di categoria in cui vi ritrovate, vi offriamo alcuni spunti e consigli per evitare gli errori più comuni con i vostri figli:

  • rafforzate la loro autostima, congratulandovi quando fanno bene qualcosa;
  • la comunicazione è fondamentale;
  • imponete delle regole e dei limiti ma siate aperti al dialogo;
  • permettete ai bambini di sbagliare e di imparare dai propri errori;
  • insegnate loro a fare delle scelte;
  • evitate di usare punizioni fisiche;
  • evitate le comparazioni;
  • siate i genitori e non gli amici dei vostri figli;
  • cercate di essere un esempio;
  • permettete loro di sviluppare il pensiero critico;
  • aiutateli a imparare a gestire le emozioni.

«Ci sono solo due lasciti inesauribili che dobbiamo sperare di trasmettere ai nostri figli: delle radici e delle ali», Harding Carter.

Lascia un commento

INFORMAZIONE BASICA SULLA PROTEZIONE DEI DATI
Responsabile: Verticales Intercom, S.L.
Finalità:
a) Invio della richiesta al cliente inserzionista.
b) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione dei propri prodotti e servizi.
c) Attività di pubblicità e di prospezione commerciale attraverso diversi media e canali di comunicazione di prodotti e servizi di terzi appartenenti a diversi settori di attività, che possono comportare il trasferimento di dati personali a suddetti terzi soggetti.
d) Segmentazione ed elaborazione di profili per scopi pubblicitari e di prospezione commerciale.
e) Gestione dei servizi e delle applicazioni fornite dal Portale per l'Utente.
Legittimità: Consenso dell’interessato.
Destinatari: È prevista la cessione dei dati ai clienti inserzionisti per rispondere alla sua richiesta di informazioni sui servizi annunciati.
Diritti: Ha il diritto di accedere, rettificare e sopprimere i dati o di opporsi al trattamento degli stessi o di uno qualsiasi degli scopi, così come accade con gli altri diritti, come spiegato nelle informazioni aggiuntive.
Informazione addizionale: Può consultare l’informazione addizionale e dettagliata sulla Protezione dei Dati su guidapsicologi.it/proteccion_datos

Articoli correlati