Come aiutare i bambini mancini?

​Fino a pochi anni fa i bambini mancini venivano considerati "difettati" e venivano sottoposti a vere e proprie "torture", poiché il mancinismo era definito un difetto da correggere...

8 GEN 2016 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Come aiutare i bambini mancini?

Vari studi scientifici hanno fortunatamente portato a definire che in realtà il mancinismo è una vera e propria caratteristica biologica che risiede nei nostri geni, e che quindi ereditiamo.

Fino ai 12-18 mesi di vita i bambini usano indifferentemente la mano sinistra e quella destra. È solo dopo i 18 mesi che ha inizio la progressiva specializzazione di una parte rispetto all'altra. È possibile, infatti, che fino all'anno di età il bimbo utilizzi in modo prevalente la mano destra e d'improvviso manifesti la prevalenza della sinistra che userà poi in modo definitivo. Inoltre il mancinismo può coinvolgere anche altre parti del corpo, come i piedi, gli occhi e persino le orecchie.

Differenze tra emisferi

Per comprendere le differenze tra destrimani e mancini, è importante avere presente il ruolo svolto dagli emisferi cerebrali. Il cervello umano è formato da due emisferi, che svolgono funzioni distinte e cosiddette a "X": l'emisfero destro che "controlla" e "gestisce" la parte sinistra del corpo e l'emisfero sinistro che al contrario controlla e gestisce la parte destra del corpo.

L'emisfero destro è specializzato in attività che hanno a che fare con la capacità di elaborare immagini, di orientarsi nel tempo e nello spazio. È la sede dell'istinto, della creatività, dell'arte, della comunicazione gestuale emozionale, della percezione, dell' intuito...

L'emisfero sinistro, invece, presiede il pensiero logico e analitico, che consente l'apprendimento del linguaggio e dei numeri; è la parte concreta, logica e razionale; è la sede della memoria verbale, del ragionamento, del metodo...

Per quanto riguarda i movimenti muscolari, ogni emisfero coordina la parte opposta: l'emisfero sinistro coordina i movimenti della metà destra del corpo, l'emisfero destro controlla i movimenti della metà sinistra. Nella grande maggioranza delle persone l'emisfero dominante è quello sinistro: da qui la preferenza a utilizzare la mano destra e il prevalere del pensiero logico-analitico. Nei mancini, invece, è l'emisfero destro a essere predominante: prevale quindi l'utilizzo della mano sinistra e una prevalenza del pensiero intuitivo e della creatività.

Aiutare i bambini mancini

Proprio per questo è assolutamente sbagliato e controproducente correggere il bambino mancino, in quanto non si fa altro che creare una grande confusione mentale, aumentando difficoltà, insicurezze, stress e frustrazioni e compromettendo lo sviluppo intellettivo, comportamentale e creativo del bambino (da alcuni dati statistici è emerso che i "mancini corretti" hanno una maggiore probabilità di essere balbuzienti; dato che ogni loro gesto va compiuto con uno sforzo e va controllato, è come se anche le parole fossero sottoposte allo stesso tipo di controllo, perdendo spontaneità).

Bisogna quindi aiutare e guidare il piccolo nel suo percorso spontaneo e naturale (il bambino utilizza la mano sinistra per istinto, perché la sua lateralizzazione si è sviluppata con predominanza dell'emisfero destro!), in modo che sia il bambino stesso a scegliere, in base alla sua predisposizione biologica. Il bambino mancino non va quindi mai forzato a usare la mano destra. Se invece non mostra ancora una spiccata preferenza per la destra o la sinistra, il suggerimento più utile ed efficace è quello di metterlo nella condizione di decidere da solo, ad esempio porgendo gli oggetti ai piccoli tra tutte e due le mani per non influenzare la scelta in alcun modo e per lasciarli liberi di seguire il proprio istinto, oppure collocando le matite e i pennarelli al centro del foglio e le posate al centro del piatto.

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Margherita Giordano

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su psicologia infantile