Chi ha paura dello Psicologo? Sport e Psicologia, paure e pregiudizi da sfatare

Lo psicologo non è per me, quello è per i deboli! Ma è davvero così? Che cosa fa uno psicologo? E uno psicologo dello Sport?

26 GEN 2015 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Chi ha paura dello Psicologo? Sport e Psicologia, paure e pregiudizi da sfatare

L'olimpionico Luca Dotto in una intervista a La Stampa racconta come la Federnuoto abbia, per l'allenamento mentale, uno psicologo dello sport stabile e lasci i singoli atleti liberi di utilizzarlo. Ma lo esclude per sé: «Non è per me, quello è per i deboli».

Ma è davvero così? In un incontro con giovani e meno giovani, ho chiesto che cosa fa, secondo loro, uno psicologo. Le risposte sono state divertenti, ma anche significative del pregiudizio che ancora circonda la professione e della scarsa conoscenza della sua applicazione nello sport: lo psicologo cura matti e disadattati, si fa pagare per non far nulla, legge la mente, ascolta e basta, ti ipnotizza, a me non serve, ti riempie di pastiglie, ne conosco due ma non mi sembrano tanto normali…

La psicologia non va confusa con la psicoterapia o la psichiatria o la medicina o la cartomanzia. In generale approfondisce e studia il comportamento e i processi mentali degli individui e le relazioni umane allo scopo di migliorare la qualità della vita.

La psicologia dello sport studia specificatamente i fattori mentali e psicologici legati alla prestazione sportiva: è interessata a come lo sport e l'attività fisica possano accrescere lo sviluppo personale e il benessere nell'arco della vita e viceversa a come i processi mentali possano influire sulla performance sportiva.

È una vasta corrente di pensiero dove confluiscono diverse dottrine (psicologia, medicina, psichiatria, sociologia, pedagogia, filosofia, igiene, educazione fisica, riabilitazione, nutrizione ecc), in un contesto multidisciplinare.

Gli obiettivi principali dello psicologo dello sport sono: offrire informazioni sui fattori psicologici dello sport; migliorare l'apprendimento dello sport; aiutare i giovani a maturare con lo sport; preparare programmi di preparazione mentale personalizzati; gestire le dinamiche di gruppo; mirare al benessere psicofisico e allo sviluppo del potenziale per ogni fascia di età e ogni livello di sport.

Nell'agonismo l'ottimizzazione della preparazione tecnica e fisica ha raggiunto livelli altissimi e di frequente l'elemento mentale rappresenta la marcia in più dell'atleta. L'intervento psicologico valorizza le potenzialità dei singoli e della squadra in modo da raggiungere lo stato psicofisico ideale e la massima prestazione.

L'idea di allenare e "curare" nella preparazione sportiva anche l'aspetto mentale non dovrebbe farci paura. Curare significa semplicemente "occuparsi di" e, in questo caso, occuparsi di un aspetto che si integra con la preparazione tecnica, strategica, fisica, alimentare nel rispetto dell'individuo-atleta e del suo ambiente.


PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Raffaella Toniolo

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

Commenti 2
  • Maria

    Condivido la critica di Michela!! Inoltre, anche psicoterapia e psichiatria studiano il comportamento, i processi mentali e le relazioni al fine di migliorare la qualità di vita! La cartomanzia non so cosa c'entra.. Secondo me, sarebbe meglio modificare il periodo in questione ;)

  • Michela

    Scusa però accostare psicoterapia e psichiatria a cartomanzia....o è' formulata male la frase o è' proprio fuori luogo il concetto. Mah....

ultimi articoli su psicologia dello sport