Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Che cos' è la dipendenza affettiva?

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

La dipendenza affettiva fa parte di quelle che vengono definite le nuove dipendenze. Non subito chi ne soffre ne è consapevole.

6 AGO 2018 · Tempo di lettura: min.
Che cos' è la dipendenza affettiva?

Chi soffre di dipendenza affettiva si aspetta che qualcun altro possa essere la soluzione a tutti i suoi problemi, che l'altro abbia sempre un atteggiamento incondizionatamente positivo nei suoi confronti e che si prenda sempre cura di lui. Nel momento in cui emerge che tutto ciò non è possibile e non corrisponde alla realtà il dipendente affettivo svilupperà rabbia e potrà essere conflittuale nei rapporti con gli altri. La dipendenza affettiva riguarda soprattutto relazioni amorose o sessuali ma può riguardare anche la sfera amicale, il rapporto con i propri figli o addirittura con persone mai conosciute come attori o leader di sette religiose.

I sintomi che ci permettono di capire se stiamo sviluppando una dipendenza affettiva sono:

1) dedicare molto tempo ed attenzioni ad una persona;

2) sopravvalutare l'altro mettendolo su un piedistallo;

3) concentrarsi esclusivamente su una persona in modo ossessivo;

4) trascurare se stessi per l'altro;

5) abbandonare ambiti importanti della propria vita e il proprio benessere per dedicarsi completamente all'oggetto della propria ossessione.

Evidenze cliniche sembrano dimostrare che chi sviluppa una dipendenza affettiva ha vissuto in età infantile esperienze di abbandono o di trascuratezza da parte dei genitori o delle sue figure di riferimento; questo provoca bassa autostima e sensi di colpa, paura dell'abbandono e difficoltà ad entrare in contatto intimo con l'altra persona.

Il percorso da intraprendere per superare una dipendenza affettiva e guarire è, come per tutte le altre dipendenze, lungo e complesso. E' necessario dapprima ammettere la propria dipendenza e le sue dolorose conseguenze, chiedere un aiuto esterno rivolgendosi a centri specializzati o ad uno psicoterapeuta con il quale affrontare e rielaborare le proprie esperienze passate di abbandono e quindi arrivare ad interrompere il circolo vizioso nel quale si era finiti.

Dott.ssa Vania Camerin Psicologa Psicoterapeuta Funzionale ed EMDR (Montebelluna e Conegliano TREVISO)

Scritto da

Dott.ssa Vania Camerin Psicologa Psicoterapeuta, EMDR

Lascia un commento

ultimi articoli su dipendenza affettiva