Autostima: come modificare gli schemi mentali per accrescere la percezione positiva di sé

Cos'è l'autostima? Quali sono le caratteristiche di un'autostima bassa? E quali le sue cause? Quando è necessario rivolgersi ad un professionista? Scopri quanto valore dai a te stesso!

18 SET 2020 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Autostima: come modificare gli schemi mentali per accrescere la percezione positiva di sé

Quante volte ci è capitato di trovarci di fronte persone altezzose e arroganti, che si mostrano sicure di sé, presuntuose, superiori e che disprezzano tutti? Il classico narciso!

In questi casi si parla di autostima ipertrofica, un'autostima eccessiva che talvolta, con questi atteggiamenti, va a mascherare quella che, in realtà, è una stima di sé bassa nel tentativo di compensarla. L'autostima, la percezione che ognuno di noi ha di sé stesso, quando è bassa può essere causata da critiche da parte delle figure di riferimento, episodi di trascuratezza e abbandono nell'infanzia, esperienze di bullismo/mobbing, stress prolungato, eventi traumatici.

La tendenza a valutarci sulla base del confronto con gli altri, il cosi detto "specchio sociale", porta a far sì che ci si consideri sempre inferiori alimentando la percezione negativa che abbiamo di noi stessi.

Un'autostima bassa è caratterizzata da difficoltà relazionali, timore del rifiuto, pessimismo, mancanza di fiducia, maggiore vulnerabilità e arrendevolezza, eccessiva sensibilità alle critiche.

È presente, inoltre, la tendenza ad avere una struttura di personalità caratterizzata da dipendenza affettiva, insicurezza, indecisione, sintomi di disturbi d'ansia, dell'umore e dell'alimentazione. È fondamentale accrescere la percezione positiva che abbiamo di noi stessi in modo da favorire il benessere psico-sociale e la crescita personale.

Per farlo è utile migliorare la consapevolezza che si ha di sé e delle proprie abilità, incrementare le capacità di introspezione, imparare quindi a dialogare con se stessi in modo positivo, cercare di raggiungere degli obiettivi che siano realistici, favorire la comunicazione ed imparare ad interpretare gli avvenimenti che non dipendono da noi come semplicemente sfavorevoli. Spesso non tutti riusciamo a raggiungere ognuno di questi step, perché le nostre convinzioni sono radicate.

È importante, in questi casi, rivolgersi ad un professionista!

"L'impressione di piacere può rimanere tale fino a quando non si è certi di piacere soprattutto a se stessi", diceva Giacomo Leopardi. E tu, quanto valore ti dai?

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott.ssa Floriana Frescura

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su autostima