Attraverso il lutto: comprendere e attraversare le emozioni

<strong>Articolo rivisto</strong> dal

Articolo rivisto dal Comitato di GuidaPsicologi

Ognuno di noi ha perso una persona cara... ha pianto, si è chiesto perchè... si è trvato a fare i conti con il Lutto. Questo articolo può dare qualche informazione a riguardo.

28 apr 2015 · Tempo di lettura: min.
Attraverso il lutto: comprendere e attraversare le emozioni

Da diverso tempo mi occupo di sostegno psicologico in ambito oncologico e di emergenza stradale. Mi sono trovato ad "accompagnare" persone alla morte e sostenere i familiari nei mesi successivi. In questi anni mi ha aiutato molto "comprendere" e "attraversare" quel mare di emozioni che è nascosti dalla parola "lutto" e che incarnano ogni momento da quando subiamo una perdita.

Voglio condividere con voi queste poche righe che mi hanno dato sollievo ed hanno dato sollievo alle persone che ho seguito attraverso i viaggi nel lutto, sino alla serenità.

Il lutto è una perdita, e comprende tutti i sentimenti e le reazioni che abbiamo quando perdiamo qualcuno che ci sta a cuore o qualcosa che apprezziamo. Il dolore colpisce tutti: È la reazione universale ad una perdita. È intensamente doloroso e stressante, ma anche naturale, normale e necessario.

Il dolore è il mezzo con cui fare i conti con il lutto

Si tratta di lasciare andare la persona che abbiamo perso, modificando progressivamente la natura dei legami che ci ha attaccati a lui o lei.

Dobbiamo arrivare ad accettare che non vedremo mai più la persona in questa vita, al fine di andare avanti e vivere pienamente per il resto della nostra vita. Il dolore può essere vissuto in una combinazione di reazioni mentali / emotive, fisiche e sociali, e la profondità con cui queste emozioni si fanno sentire è legato al rapporto con la persona che è deceduta, la situazione che circonda la morte e l'attaccamento della persona al defunto. Non ci sono reazioni giuste o sbagliate a una morte, ma si possono delineare dei sentimenti comuni * :

  • Shock e incredulità;
  • Il senso di colpa e rimpianto;
  • L'ingiustizia;
  • Rabbia;
  • La solitudine;
  • Sollievo (se la persona morto dopo una lunga malattia, per esempio).

Effetti comuni sul comportamento sono:

  • Disturbi del sonno;
  • Perdita di appetito;
  • Irrequietezza;
  • Esaurimento;
  • La preoccupazione;
  • Ansia e panico;

Pianto

In più altri sintomi fisici come nausea, palpitazioni, senso di costrizione alla gola o problemi digestivi.

Queste sono tutte le reazioni normali e comprensibili ai lutti, è una parte naturale del processo di lutto. Col tempo, il sostegno e la comprensione essi diminuiranno fino a scomparire.

12648764-duelo.jpg

Foto di: mensalus.es

Le cinque fasi del dolore

Mentre il processo di dolore è una risposta individuale, è generalmente riconosciuto che ci sono cinque fasi universali. Dividendo il dolore in questi 'tappe', le persone che lo provano possono capire che le loro esperienze e le emozioni sono normali e, anche se gli stadi non sono necessariamente nell'ordine indicato, c'è un filo comune che attraversa tutte le persone che soffrono di un lutto.

Le persone attraversano queste fasi con il proprio tempo , spesso si spostano avanti e indietro tra le fasi prima di raggiungere l'accettazione e la serenità. La ricerca dimostra che il processo può richiedere fino a due anni. La cosa importante è che lavorando attraverso le fasi, siamo in grado di accettare la perdita e spostare la nostra energia per tornare ad investire nel nostro futuro.

Le cinque fasi sono le seguenti:

1. Negazione e isolamento: La prima reazione di apprendimento della morte o malattia terminale di una persona cara è negare la realtà della situazione. Questo è un meccanismo di difesa, che tampona lo shock immediato e porta la persona attraverso le prime ondate di dolore. La realtà della situazione non è stata ancora accettata, e la persona si sente stordito e/o disorientato.

2. Rabbia: appena si riemerge dallo shock iniziale inizia la rabbia; l'intensa emozione di dolore viene deviata dal nucleo vulnerabile della persona e reindirizzato ed espresso all'esterno. Questo può essere rivolto a amici o parenti, sconosciuti e persino oggetti inanimati. Spesso, si prova anche paura, atterrimento e angoscia questa fase. Ciò porta la persona in lutto ad evitare il contatto con gli altri o ad esprimere nei loro confronti molta rabbia; è un strategia difensiva per creare "distanza" con gli altri così da non soffrire qualora li perdessimo.

3. Contrattazione: La reazione normale a sentimenti di impotenza e vulnerabilità è la necessità di riprendere il controllo. Si tratta di una serie di 'solo se' spesso descritto come la contrattazione con un potere più alto di andare indietro nel tempo e ritardare l'inevitabile. Si tratta di una linea più debole di difesa progettata per proteggere le persone dalla realtà dolorosa.

4. Depressione: La persona in lutto si sente intensamente triste, senza speranza, sconsolata e impotente. Ci sono due tipi di depressione associate a dolore. La prima è una reazione alle implicazioni pratiche relative alla perdita. Tristezza e rimpianto predominano, e le persone si preoccupano dell'impatto della morte sulle persone intorno a loro. Un po' 'di cooperazione e di qualche parola gentile da familiari e gli amici possono aiutare ad alleviare questa preoccupazione. Il secondo tipo di depressione è più sottile e, in un certo senso, più privato. Si tratta di un modo intimo per prepararsi a dire addio alle cose della persona persa.

5. Accettazione del lutto: Alcune persone non raggiungono mai questa fase, in particolare quando la morte di una persona cara è stata improvvisa o violenta, ma soprattutto da quanto si sappia guarda oltre la propria sofferenza. Tuttavia, per coloro che lo fanno, questa fase è caratterizzata da un nuovo desiderio di guardare verso il futuro.

*Kubler-Ross, E. (1969). Sulla morte e del morire. New York: Macmillan.

Scritto da

Dott. Fabio Glielmi

Lascia un commento
Commenti 2
  • Dott. Fabio Glielmi

    Buongiorno Melania e grazie della domanda. Assolutamente si, anche una separazione da qualcuno a cui teniamo molto viene da noi vissuta come un lutto, una perdita sulla quale non abbiamo controllo. E spesso dobbiamo attraversare le fasi descritte nell'articolo.

  • Melania Romanelli

    Davvero un ottimo articolo. Alcuni eventi relativi alle persone care che vanno via non necessariamente in seguito a morte fisica possono essere associate al lutto?