Ansia e dintorni

Elenco e descrizione dei principali disturbi d'ansia che spesso colpiscono la popolazione, dall'età infantile fino a quella adulta e anziana.

13 LUG 2017 · Tempo di lettura: min.

PUBBLICITÀ

Ansia e dintorni

Può accadere nella vita di attraversare periodi di preoccupazione e tensione per vicende personali o altrui. Tale stato di tensione, talvolta non riconosciuto da chi lo sta vivendo, stressa il corpo e la mente del soggetto, con possibili conseguenze sgradevoli.

È bene distinguere tre tipi di emozione, fra loro simili ma non uguali

Paura: è la risposta emotiva che indica che ci siamo accorti della presenza di qualcosa di pericoloso. La paura è posta a nostra salvaguardia. Immaginate se di fronte ad pericolo non fossimo in grado di sentire la paura. Non faremmo nulla per contrastare o evitare il pericolo, con conseguenze nefaste.

Ansia: è la risposta emotiva che indica la presenza, con molta probabilità, di PRE-occupazioni importanti. Ci si preoccupa prima che il pericolo sia davvero presente, caricando la nostra mente e il nostro corpo di una tensione che non trova un motivo reale nel momento presente. Livelli minimi di ansia possono avere effetti funzionali, come ad esempio sentire un poco di preoccupazione prima di una valutazione (scolastica o lavorativa) che ci spinge a prepararci e ad orientare la nostra attenzione verso quel compito. Livelli alti di ansia invece sono causa di blocco, confusione ed allontanamento dall'obbiettivo.

Panico: rappresenta una sensazione molto intensa e transitoria in cui il soggetto vive un'esperienza particolare con sintomi fisici e cognitivi che lo spaventano e lo inducono a preoccuparsi molto per ciò che sta succedendo. Non è raro che la persona riferisca di avere avuto paura di impazzire, morire, svenire o perdere il controllo del proprio comportamento.

L'ansia e il panico sono le due esperienze che motivano le persone a cercare aiuto.

Ricordiamo che la paura è un'emozione del presente, del qui ed ora; l'ansia è un'emozione del futuro, di ciò che ancora non c'è; il panico è una risposta estrema e intensa che rappresenta il parossismo di paura e ansia.

Nel prossimo post parleremo di fobie, cioè di paure (quindi non ansia) che tuttavia appaiono esagerate.

Alla prossima

PUBBLICITÀ

Scritto da

Dott. Rinaldi Livio

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ultimi articoli su ansia