Come capire se si è depressi: 10 sintomi della depressione

 Quali sono i principali sintomi della depressione e come capire se si è depressi? Scopriamo come riconoscerli per favorire una diagnosi precoce!

26 APR 2018 · Ultima modifica: 8 OTT 2020 · Tempo di lettura: min.
Come capire se si è depressi: 10 sintomi della depressione

"Soffrire di depressione vuol dire non desiderare più nulla, non avere la forza di cambiare. Ci sentiamo soli anche in mezzo agli altri, che spesso non comprendono la nostra sofferenza. Siamo incapaci di amare e nello stesso tempo abbiamo un disperato bisogno di affetto", Romano Battaglia.

Che cos’è la depressione?

Uno dei disturbi dell'umore che registra un aumento dei casi a livello mondiale è la depressione. Questa patologia, provocata da cause biologiche, genetiche e psicologiche, spesso viene confusa con altri disturbi o semplicemente con un periodo di tristezza. Nonostante ciò, una diagnosi precoce della depressione è fondamentale per evitare che venga compromessa seriamente la salute psico-fisica della persona che ne soffre. La depressione è appunto un disturbo dell’umore che si presenta con profonda tristezza, mancanza di interesse e pensieri pessimistici, ma che porta con sé anche sintomi fisici e comportamentali.

La depressione è stata inserita all’interno del DSM3 nel 1980 (il manuale statistico e diagnostico dei disturbi mentali): l’organizzazione mondiale della sanità ritiene questa malattia come una delle più invalidanti e con un costo sociale elevatissimo. La diagnosi precoce e la terapia sono fondamentali per la cura della depressione.

Tipi di depressione

Non esiste solo un tipo di depressione, ma ne esistono diverse tipologie. Vediamole più da vicino:

  • Disturbo depressivo maggiore o unipolare: è la tipologia più generale ed è una delle forma più gravi di depressione. La presenza di questa tipologia di depressione impedisce qualsiasi forma di attività quotidiana: non solo il lavoro o le uscite con gli amici o altre situazioni piacevoli, ma anche attività fondamentali come dormire o mangiare .
  • Distimia: la distimia si caratterizza per gli stessi sintomi del disturbo depressivo maggior ma che si presentano in maniera un po’ più lieve.
  • Disturbo depressivo non altrimenti specificato: in questa categoria vengono classificati quei disturbi ed episodi depressivi che non è possibile collocare in altre categorie.
  • Disturbi bipolari: i disturbi bipolari si caratterizzano per l’alternanza di disturbi maniacali (ovvero con un umore altissimo con forti dosi di eccitazione ed energia) e stati depressivi. A loro volta i disturbi bipolari si dividono in disturbo bipolare di tipo 1 e 2 (che di differenziano per episodio di mania o ipomania che si alternano agli stati depressivi) e in disturbi ciclotimici (che prevedono una durata minima di due anni di tali episodi depressivi ed ipomaniacali)

Tutti questi disturbi sono inseriti nel DSM5 con approfondimenti sulle caratteristiche e terapie.


10 sintomi depressione

Quali sono i sintomi della depressione?

Secondo il DSM5 per parlare di depressione occorre che siano presenti almeno 5 dei segnali che esporremo di seguito, di cui uno dei suddetti sintomi deve essere umore depresso e perdita di interesse nel fare qualsiasi cosa. Ecco i dieci campanelli d'allarme principali di questo disturbo dell'umore:

1. tristezza prolungata

Chi è depresso non è semplicemente triste, ma prova una sensazione di tristezza prolungata e persistente caratterizzata da una sensazione di vuoto e umore depresso. Uno stato d'animo negativo prolungato, è pertanto un sintomo di questo disturbo.

2. apatia e perdita d’interesse

La depressione porta chi ne soffre a perdere interesse per tutto ciò che lo circonda. Non solo per quelle attività che prima erano fonte di felicità ma anche per tutte quelle attività quotidiani fondamentali alla sussistenza. Si diventa apatici e si soffre di una profonda mancanza di interesse verso qualsiasi cosa.

3. Insonnia e disturbi del sonno

Chi soffre di depressione spesso presenta anche disturbi del sonno. L’insonnia o, al contrario, dormire molte ore, sono fra i sintomi più comuni. Questi disturbi possono portare a loro volta a un acuirsi della depressione, dal momento che alterare i ritmi biologici sonno-veglia porta sempre degli scompensi. L’associazione disturbi del sonno-depressione è pertanto molto forte nell’ambito di questa malattia e presente in tutte le fasce d’età.

4. Dimagrimento e mancanza di appetito

Il dimagrimento e la mancanza di appetito sono un sintomo frequente nella depressione. La persone che soffre di un tale disturbo, potrebbe anche soffrire di una perdita di peso improvvisa proprio dovuto al fatto che, durante la depressione, cambia la relazione che la persona ha con il cibo. Perdere l'appetito e non avere voglia di fare niente, infatti, possono causare una perdita di peso rapida.

sintomi fisici e mentali depressione

5. Stanchezza fisica e mentale costante

Stanchezza costante: la stanchezza nella depressione si presenta sia a livello mentale, a causa dell'ansia, dell'apatia e della sensazione di vuoto, ma anche a livello fisico. Molto spesso non ti tiene in considerazione questo sintomo, perché si tende ad associarlo a fattori esterni, ma se la stanchezza dovesse diventare qualcosa di cronico è sempre importante chiedersi perché e rivolgersi a un medico.

6. Sintomi fisici e dolori

Abbiamo già visto che la depressione porta con sé non solo sintomi mentali e dell’umore ma anche dei dolori a livello fisico: mal di testa e dolori articolari o generalizzati possono essere un campanello d'allarme della depressione e possono peggiorare la situazione creando un circolo vizioso rischioso.

7. Pensieri ricorrenti di morte e suicidio

Depressione e suicidio sono fortemente collegati: tra il 40% e il 70% dei pazienti con questa malattia sviluppa questi pensieri. Le emozioni negative che accompagnano la depressione possono sfociare in pensieri suicidi. In alcuni casi, infatti, la morte viene vista come l'ultima soluzione per cercare una via di fuga. È importante rivolgersi subito al medico nel caso compaia questo sintomo o rivolgersi al 118, per poter prevenire qualsiasi scelta tragica

8. Sensazione di irrealtà

La depressione può provocare una sensazione di irrealtà. Le persone depresse possono avere la sensazione di non avere il controllo delle loro azioni, come se si trovassero in una dimensione parallela. È un disturbo di tipo dissociativo che porta a vedere le cose intorno a sé in u na maniera distante e irreale e i proprio gesti e comportamenti come distaccati e non appartenenti a sé. È un sintomo che può presentarsi con episodi sporadici o prolungati.

9. Difficoltà nel prendere decisioni

La stanchezza, l'apatia e il dolore fisico e mentale riducono estremamente la capacità di prendere decisioni. Questo tipo di sintomo è strettamente collegato a tutti gli altri sintomi che annientano l’interesse e la voglia di vivere o di fare qualsiasi cosa.

10. Problemi di concentrazione

La mancanza di interesse mette a dura prova la concentrazione di chi soffre di depressione. Per questo, iniziare una nuova giornata può essere molto stancante e devastante. Le persone che soffrono di depressione pertanto non riescono a concentrarsi sul lavoro e sullo studio e molto spesso finiscono per lasciare (per lo meno temporaneamente) quello che stanno facendo, poiché privi di interesse e di forza per affrontarlo.

come capire se si è depressi

Come capire se si è depressi: Depressione sintomi fisici e mentali

Abbiamo visto che i sintomi della depressione coinvolgono vari aspetti del corpo, della mente del comportamento. Potremmo raggruppare i sintomi della depressione in 5 macrogruppi:

  • Sintomi cognitivi: come la difficoltà di concentrarsi, di prendere decisioni, o di ricordarsi le cose. Allo stesso modo alcuni sintomi riguardano anche ruminazioni e sensi di colpa e la tendenza a svalutarsi e a non sentirsi degno o meritevole. Tutto ciò che accade nel quotidiano viene preso come un segno di un difetto o di una mancanza personale.
  • Sintomi della sfera affettiva: normalmente la depressione comporta un ritiro dalla sfera sociale, dovuta ai vari sintomi di mancanza di interesse, apatia e perdita del senso di piacere collegato ad alcune attività. La depressione porta a non riuscire a godere più di niente: questo sentimento è accompagnato appunto da una tristezza costante che può essere considerata come un vero e proprio dolore di vivere.
  • Sintomi motivazionali: questi sintomi riguardano tutto ciò che concerne la motivazione e la stanchezza di fare le cose. Come abbiamo visto la depressione è marcata da una stanchezza costante, anche in mancanza di una reale attività fisica o stress, che fanno sì che la persona senta che anche i piccoli compiti richiedano uno sforzo incredibile. Lo stesso nutrirsi o alzarsi dal letto, potrebbero diventare compiti che richiedono molto tempo e sforzo e la persona potrebbe anche decidere di non farli.
  • Sintomi comportamentali: Questi sintomi riguardano tutto ciò che rientra nei cambiamenti delle abitudini e dei comportamenti della persona. Abbiamo già visto alcuni di questi sintomi, tra cui: la mancanza di appettato con la conseguente perdita di peso, disturbi del sonno che possono includere sia insonnia ma anche dormire troppo e un consistente rallentamento motorio, dovuto alla stanchezza e alla difficoltà di realizzare le cose (questo rallentamento include sia attività fisiche, come movimenti del corpo rallentati, ma anche lentezza di pensiero e di concentrazione).
  • Sintomi fisici della depressione: I sintomi fisici della depressione sono diversi e possono presentarsi anche prima o in assenza di sintomi mentali: può capitare che siano sintomi somatizzati per cui il medico non riesce a trovare nessuna causa organica. Una condizione che viene definita depressione mascherata e che viene diagnosticata in seguito a una risposta del paziente positiva ai farmaci antidepressivi. D’altro canto va anche sottolineato che alcuni sintomi fisici come stanchezza, stress, nervosismo non sempre vengono identificati come sintomi della depressione perché sono sensazioni molto comuni. Se ci dovessimo trovare in una situazione prolungata in cui si presentano sensazioni negative è sempre meglio parlarne con un medico. Alcuni dei sintomi fisici della depressione sono pertanto: mal di testa, palpitazioni, dolori vari (alle ossa, muscoli o articolazioni). Senso di smarrimento e problemi gastrointestinali.

depressione  e luoghi comuni

I luoghi comuni sulla depressione

Esistono tutta una serie di false credenze o di mezze verità sulla depressione che possono portare a sottovalutare il problema o a evitare che si arrivi alla diagnosi corretta. Fra i principali troviamo:

  • i tentativi di suicidio servono solamente ad attirare l'attenzione: se una persona cerca di suicidarsi (o anche autolesionarsi), pur non riuscendoci, ha bisogno di ricevere immediatamente supporto psicologico e, in alcuni casi, farmacologico. Se si sottovaluta questo episodio, infatti, rischiamo che si possa riprodurre nel breve periodo e che la persona riesca a raggiungere il suo obiettivo;
  • essere in lutto non equivale a essere depressi: la fase del lutto che si vive in seguito alla perdita di una persona cara, effettivamente, non equivale a soffrire di depressione. Tuttavia, se non si elabora correttamente il lutto, il dolore e la tristezza possono diventare cronici e portare a una depressione vera e propria;
  • la depressione è ereditaria: nelle cause della depressione si citano anche quelle genetiche. È possibile, dunque, che la depressione abbia una componente ereditaria. Tuttavia, le cause possono essere anche di altro tipo, come lo stress o un evento traumatico. Per questo, tutti sono a rischio di poter soffrire di depressione, indipendentemente dalla questione ereditaria.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul tema, puoi consultare il nostro elenco di professionisti esperti in depressione.

Cause e conseguenze del disturbo

Le cause della depressione sono riconducibili a diversi fattori che possono avere a che fare con la biologia o la genetica ma anche possono essere relazionati a traumi o episodi negativi del proprio passato. In particolare le principali cause si collegano a:

  • cause biologiche della depressione: questo tipo di cause è collegato ad alterazioni ormonali o neurotrasmettitoriali o correlate al sistema immunitario. Per esempio la depressione potrebbe essere causata da uno scompenso dei neurotrasmettitori come la noradrenalina e la serotonina, causando un alterazione del soggetto sulla sua iniziativa, sul sonno, nelle interazioni con gli altri, etc
  • Cause psicologiche e sociali: Eventi traumatici e stressanti possono funzionare come catalizzatori per gli episodi depressivi. Alcuni di questi eventi potrebbero essere lutti, conflitti personali, malattie fisiche, cambiamenti di vita traumatici, abusi o separazioni e divorzi o altri tipi di eventi che possono avere ripercussioni traumatiche sulla persona. L’impatto di questi eventi è maggiormente ampliato in quelle persone che hanno vissuto esperienze infantili negative e che non dispongono pertanto delle abilità per affrontarli.
  • Cause genetiche e fisiologiche: Non è la depressione che si trasmette geneticamente ma la predisposizione a sviluppare la malattia. Le persone con parenti di primo grado che hanno sofferto di depressione maggiore, hanno il rischio di sviluppare il disturbo con una probabilità dal due a quattro volte maggiore rispetto agli altri. Pertanto le cause genetiche possono favorire lo sviluppo di tale disturbo ma non è detto necessariamente che si sviluppi.

Terapia: la depressione ha una durata?

La depressione ha una durata variabile a seconda di diversi fattori. Nei casi più lievi potrebbe anche sparire spontaneamente ma, ci sono casi in cui può durare dai 3 mesi ai 2-3 anni. Per questo è importante una diagnosi precoce e un intervento tempestivo per poter aiutare il paziente a lenire il dolore cercando di ridurre l’intensità e la durata della malattia. Chi prova sensazioni legate alla depressione tende normalmente a non chiedere aiuto: è importante invece riuscire a superare questo blocco per poter riuscire a migliorare.

La terapia può infatti aiutare a ridurre la sofferenza e migliorare la qualità della vita, mentre l’assenza di una terapia medica può portare alla cronicizzazione del disturbo con la ricorrenza di diversi episodi. La terapia di può pertanto dare dei primi piccoli segnali di ripresa dalla depressione, che corrispondono a una minore sofferenza e a un miglioramento della qualità della vita. Ovviamente ogni caso va preso separatamente e considerato a seconda della gravità, intensità, durata e delle cause della malattia.

Ma ribadiamo ancora una volta come chiedere aiuto e rivolgersi al medico, potrebbe ridurre i tempi del decorso della depressione, grazie a una diagnosi precoce e al conseguente trattamento e terapia. La terapia può prevedere sia una terapia psicologica vera e propria dove si cerca di accompagnare il paziente verso una ripresa della propria vita, sia una terapia con farmaci antidepressivi che cercano di stabilizzare l’umore a livello biologico. Anche alcuni farmaci di estrazione naturale (come per esempio estratti di iperico o erba di San Giovanni) e vitamine possano apportare alcuni benefici nel caso di forme lievi. La terapia sarà sempre somministrata dopo una diagnosi e specifica per ogni paziente. 

psicologi
Linkedin
Scritto da

GuidaPsicologi.it

Bibliografia

  • https://www.nimh.nih.gov/health/topics/depression/index.shtml
  • https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/depression/symptoms-causes/syc-20356007
  • https://www.healthline.com/health/depression
  • https://www.who.int/whr/2001/en/whr01_it.pdf?ua=1

Lascia un commento
1 Commenti
  • Antonella Esposito

    Bsera mi chiamo Antonella. Purtroppo spiegare qui tutta la mia vita sarebbe impossibile, quello ke posso dire è che ho avuto due matrimoni e da ciascun di loro ho avuto un bambino, il primo ha 16 anni e il secondo ne ha 2, con il secondo marito ancora ci vivo, ma le cose nn sembrano almeno per me andar bene xke ho patito tante sofferenze per colpa sua tra l altro in tutto questo soffro per la perdita di mio padre da un anno o quasi, ma io nn riesco più a ridere come una volta, la voglia di prepararmi per uscire nn c'è più o quasi di far più nulla nemmeno per me. Nn sono più felice e nn ricordo di esserlo mai stata, nei momenti più bui sono sempre stata sola pur avendo un marito ma la mia spalla sono dovuta essere io stessa xke ogni volta che tentavo di appoggiarmi quando vedevo che stavo per cadere, sono dovuta essere io visto che mio marito nn e mai pronto a sostenermi, nemmeno quando sto malissimo a livello fisico, e sono sempre piena di dolori articolati mal di schiena, mal di testa e ultimamente soffro anche durante il ciclo per giorni e giorni. Nn posso scrivere altro sarebbe troppo lunga la cosa ma ringrazio voi se leggete e mi date qualche aiuto, cordiali saluti a presto

ultimi articoli su depressione