Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia rispondono gratis
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 10600 Psicologi a tua disposizione
    • 9300 Domande inviate
    • 50250 Risposte date

    Domande su disagio

    • ? 30 anni - Due Problemi 3 Risposte Inviata da Hagen. 26 gen 2017
      Miglior risposta

      Gentile sig. Hagen, ci chiede se questi due episodi siano connessi tra loro. Se li ha messi insieme, ad un livello profondo gli ha già attribuito un nesso. In entrambe le circostanze sembrerebbe aver messo in discussione la sua potenza generativa attribuendo la responsabilità all'esterno. Nel caso del lavoro appare in profonda sofferenza tanto

      Leggi tutto
    • ? Come si può risanare un rapporto tra figli e il priprio padre? 3 Risposte Inviata da Emmanuele1. 29 nov 2016
      Miglior risposta

      Gentile Emmanuele capisco che il dolore di perdere un fratello non è descrivibile ed è talmente grande che anche i suoi genitori si sono persi in questo dolore. Probabilmente invece di sostenersi a vicenda si sono chiusi in loro stessi, ognuno nella propria sofferenza e con le proprie difficoltà. Voi figli ne avete subìto le conseguenze, qualcuno

      Leggi tutto
    • ? Perché mi sento a disagio in gruppo? 3 Risposte Inviata da Marianna82. 17 ott 2016
      Miglior risposta

      Gentile Marianna, non so quanto è durata la precedente relazione terapeutica, però evidentemente ci sono degli aspetti che ancora non sono stati risolti, poichè permangono dei sintomi relativi alla sfera sociale. Pertanto ti consiglio o di riprendere il percorso precedente se ti sei trovata bene, oppure di affidarti ad un nuovo professionista con c

      Leggi tutto
    • ? Posso sperare in un suo futuro ritorno? 2 Risposte Inviata da Sofia45. 10 ott 2016
      Miglior risposta

      Gentile Sofia, se mi posso permettere di darti un consiglio, cerca di evitare per il futuro, relazioni a distanza che nascono già di base con una forte controindicazione. Quanto a questo ragazzo, si può anche credere alla sua buona fede, altrimenti non avrebbe avuto senso presentarti ai suoi familiari ma il risultato è che, qualunque siano le motiv

      Dott. Gennaro Fiore
      Dott. Gennaro Fiore 12 ott 2016
      Leggi tutto
    • ? Ho bisogno di riconnettermi al mio cuore 7 Risposte Inviata da Milena38. 6 ott 2016
      Miglior risposta

      Cara Milena, in tutto quello che descrivi sento il tuo malessere e il tuo volerti liberare da questi pensieri intrusivi che ti causano sofferenza. In te si innesca il meccanismo della "paura di pensare"a situazioni che riconosci essere il frutto della tua mente, ma che per il solo fatto di averle in testa ti generano ansia. Bisognerebbe conoscere

      Leggi tutto
    • ? Perchè ho l'ansia quando faccio sesso? 1 Risposta Inviata da LorenzoContini. 12 lug 2016
      Miglior risposta

      Gentile Lorenzo, indubbiamente il tipo di educazione che hai ricevuto e le dinamiche relazionali interne alla tua famiglia possono aver contribuito all'espressione del sintomo di ansia da prestazione nelle tue relazioni sentimentali. Anche per il fatto che le informazioni che dai sono poche, è consigliabile una consulenza dal vivo in psicoterapia p

      Dott. Gennaro Fiore
      Dott. Gennaro Fiore 12 lug 2016
      Leggi tutto
    • ? Un parere sulla mia storia, su mia moglie e su cosa fare 3 Risposte Inviata da LucaZizioli. 6 lug 2016
      Miglior risposta

      Caro Luca diciamo che mi piace tantissimo l'ultima riga (della sua lunga lettera) dove lei rivendica una felicità che pensa di meritare. Sono d'accordo con lei: lei merita tante cose belle, tutto il bello e il buono che, fino ad ora, la vita non ha saputo darle. Diciamo che lei stesso si è messo, in qualche modo, nella condizione di non riuscire

      Leggi tutto
    • ? Non so se sono gay o etero 5 Risposte Inviata da Davide200. 19 mag 2016
      Miglior risposta

      Caro Davide, come hai sperimentato la sessualità non è sempre tutto nero o bianco. Ma si possono avere esperienze emotive o sessuali complesse. E magari sorprendenti. Vorrei suggerirti di non preoccuparti per la vicenda sentimentale e sessuale che hai vissuto. Non è assolutamente infrequente e non significa necessariamente che Tu sia gay. Piuttosto

      Dott. Marco Tartari
      Dott. Marco Tartari 22 mag 2016
      Leggi tutto
    • ? Cosa non va in me? 1 Risposta Inviata da Marta130. 29 mar 2016
      Miglior risposta

      Buongiorno gentile Marta, da quello che scrive la sua forza relazionale e la sua spigliatezza dipendono dalle persone che la conoscono in un rapporto esclusivo - ora il suo compagno che conosce fin dall'asilo, prima dalla sua amica del cuore - con calma e piano piano provi a spingersi verso conversazioni con altri/altre, senza avere fretta di farsi

      Leggi tutto
    • ? Problemi relazionali (con i ragazzi) 3 Risposte Inviata da Valeria4. 2 feb 2016
      Miglior risposta

      Gentile ragazza, comprendo perfettamente il tuo disagio e il tuo stato d'animo ma non devi rassegnarti e devi ritornare in psicoterapia. Anche se hai superato i problemi inerenti alla bulimia restano da affrontare quelli relativi alla bassa autostima e all'ansia sociale che ti impediscono una normale vita di relazione. Riprendi il percorso terapeut

      Dott. Gennaro Fiore
      Dott. Gennaro Fiore 2 feb 2016
      Leggi tutto
    • ? Disagio con lo psicologo 6 Risposte Inviata da Anonima29. 31 dic 2015
      Miglior risposta

      Gentile Anonima, la psicoterapia è un lavoro non facile che richiede quasi sempre tempi non brevi e, come vedi, questo accade anche per psicoterapie brevi-strategiche. Anche la diagnosi non sempre è evidente e certa fin dall'inizio ed altre volte la diagnosi non è singola ma multipla. Nel tuo caso, forse proprio per il tipo di approccio terapeutico

      Dott. Gennaro Fiore
      Dott. Gennaro Fiore 31 dic 2015
      Leggi tutto
    • ? Dopo la Morte del Mio Terapeuta 1 Risposta Inviata da Anonimo. 20 apr 2015
      Miglior risposta

      Caro Franco, onestamente non ho letto tutto il suo messaggio, non ce l'ho fatta, troppa fatica a cercare sprazzi di lei in mezzo a tante costruzioni filosofiche di cui non c'è bisogno. Però le scrivo di cuore, mi dispiace molto che la sua relazione terapeutica si sia interrotta in questo modo irreparabile, anche io, pur sapendo che non è colpa sua

      Leggi tutto
    • ? Perché mi sento a disagio con la mia ragazza? 7 Risposte Inviata da Gianni64. 3 mar 2015
      Miglior risposta

      Gentile Gianni, credo che quello che sta sperimentando è il tentativo di "sintonizzarsi" con la sua ragazza sia sugli elementi in comune che sulle differenze. Credo che la complementarietà sia alla base di un rapporto che funziona: ciò comporta la capacità di guardare con occhi nuovi ciò che ci lega ad una persona, trovando nelle differenze dell'al

      Leggi tutto
    • ? Innamorato della mia psicologa 6 Risposte Inviata da Fabio184. 21 gen 2015
      Miglior risposta

      Buongiorno gentile Fabio, ho letto attentamente le sue richieste e desidero porle degli spunti di riflessione: sente che nella sua vita ci sono stati momenti relazionali importanti in cui è emerso che lei fraintendeva i comportamenti, i sentiti, le motivazioni degli altri? In terapia, questo modo di intendere gli altri è emerso? Ecco, sembrerebbe

      Leggi tutto
    • ? Malessere e orientamento sessuale 12 Risposte Inviata da FulvioBerto. 24 feb 2014
      Miglior risposta

      Buongiorno gentile Zac, comprendo quanto sia difficile per Lei accettare se stesso e desidero restituirle la sensazione che il suo essere il primo giudice di se stesso la porta a percepire quanto sia faticoso relazionarsi con l'altro con fiducia e senza sentirsi giudicato. Probabilmente la psicologa con il suo atteggiamento le faceva rivivere prop

      Leggi tutto