Potremo ritornare?

Inviata da Lele. 18 mag 2017 3 Risposte

Salve, potrebbe sembrare il luogo errato per chiedere un consiglio, ma io penso che persone competenti e razionali possano fare al caso mio.
3 anni fa affronto un periodo della mia vita abbastanza traumatico, vengo continuamente bocciato agli esami universitari, ho seri problemi di salute, difficoltà economiche e litigi con miei genitori e allontanamento da amici direi tutto concatenato e affronto il momento nero con una ragazza che vive sola con sua nonna, lei innamoratissima di me; cerca il più possibile di gestire la sua vita e il rapporto con me.
Vivere con me, oggi posso ammetterlo è stata una tragedia , entrambi inizialmente si sottovalutammo la mia situazione fino a quando non persi il controllo, divenni paranoico, geloso invidioso, la pedinavo, criticavo, cercavo di isolarla dal mondo e ero ossessionato dal sapere se mi tradiva o chi erano i suoi ex , inoltre essendo molto insicuro cercavo sempre rassicurazioni sul mio aspetto. In poche parole ero talmente incontrollabile che la destabilizzai spingendola a farmi dispetti e farle avere delle crisi di nervi, insomma divenne una relazione malata che arrivo' a una rottura agghiacciante , impazzimmo entrambi.
Dopo il litigio ero letteralmente incontrollabile, chiuso in me stesso, immaginavo le cose, quando parlavo con le persone mi prendevano per folle e andai da un psicologo che mi segui e mi trasferii da miei zii in campagna, soffrivo di fobia sociale e feci perdere un Po' le tracce di me, ovviamente interruppi anche gli studi.
3 mesi dopo ritornai alla mia vecchia vita, evitando i social network e ambienti che potessero crearmi disturbi, piano piano miglioravo senza mai aver bisogno di farmaci con aiuto di famiglia e amici, ero guarito e iniziai anche una nuova relazione e frequentare forum di giovani a sfondo politico, volevo riprendere gli studi ma qualcosa mi bloccava, potevo stare anche 10 ore fuori di casa a perdere tempo, ero un nullafacente.
circa un anno fa, il mio psicologo , nell' ultimo consulto mi dice che sono libero di sbagliare e seguire la testa, non avevo nulla da perdere e decisi di andare dalla mia ex; la aspettaì nel bar di fronte al locale dove lavora, ci guardammo intensamente negli occhi ma non riusciì a salutarla, nella sostanza non avevo nulla di bello o di nuovo da raccontarle.
Da quel giorno è cambiato qualcosa in me, ho dato tanti esami giungendo alla laurea finale, ho dato il meglio nei rapporti sia familiari che sentimentali, ho ripreso a viaggiare giocare a calcetto , palestra essere spensierato e tranquillo. Adesso cerco un lavoro o un master, vorrei finalmente andarmene di casa e esser indipendente ,regalarmi soddisfazioni.
Mi manca poco a raggiungere il sogno interrotto qualche anno fa e vorrei un giorno rivedere la mia ex e raccontarle il mio lungo viaggio, non lo so che mi lega a lei, probabilmente nulla ma mi piacerebbe avere un incontro maturo e sincero poi ognuno alla sua vita. Sono guarito e ormai nascondo i miei pensieri più profondi e cerco di sorridere sempre e comunque.
Mi chiedo spesso cosa rappresenta lei per me, e se forse è opportuno dopo tutti questi anni , lasciarla nei sogni.

3 Risposte

  • Miglior risposta

    Gentile Lele,
    innanzi tutto sono contenta del percorso che hai fatto e di come sei riuscito a stare meglio dopo un periodo difficile e nero.
    Mi sembra dalla tua storia che lei sia molto importante per te, in ogni caso, come forse ben sai, le relazioni coinvolgono due persone, quindi il tornare o meno insieme dipende anche da come ha vissuto lei la vostra relazione, la rottura e se è disposta a darvi un'altra possibilitá.
    Sicuramente puoi provare a scriverle oppure incontrarla per raccontarle il tuo percorso e poi da lí, in base anche a come reagisce lei, capirai se c'è spazio e volontá anche da parte sua per riprendere la relazione.
    Ti auguro tutto il meglio.

    Cordiali saluti,

    dott.ssa Elisa Canossa, psicologa psicoterapeuta a Padova e Sustinente (MN)

    Pubblicato il 18 Maggio 2017

    Logo Dott.ssa Elisa Canossa - Studio di psicologia e psicoterapia

    572 Risposte

    1573 Valutazioni positive

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 11350 Psicologi a tua disposizione
    • 11000 Domande inviate
    • 54300 Risposte date
    • Gentile Lele
      forse lei è l'ultimo tassello che ti manca da sistemare, probabilmente più per quello che ha rappresentato e rappresenta per te, che per lei come persona fisica. Parlarle forse è il modo per dire finalmente delle cose non-dette, incompiute, non chiarite (in primis con te stesso)...è il modo finalmente per farle uscire e lasciarle andare. Un punto da cui poter ricominciare in piena consapevolezza.
      Hai fatto tanta strada e ti auguro di completare il tuo persorso nel migliore dei modi. Tanti auguri!
      Cordiali saluti
      Dr.ssa Cristina Giacomelli
      Lanciano (CH) - Pescara

      Pubblicato il 18 Maggio 2017

      Logo D.ssa Cristina Giacomelli

      294 Risposte

      514 Valutazioni positive

    • Gentile Lele,
      è sorprendente ed ammirevole che in un solo anno, stando a quello che dici, tu sia riuscito a recuperare sia un buon equilibrio psicologico che gli esami arretrati nel tuo percorso di studi essendo ora in cerca di una sistemazione lavorativa.
      Dopo una storia travagliata con la tua ex per via dei tuoi problemi, dici di essere guarito e di volere un nuovo confronto con lei, forte della tua guarigione.
      Suppongo che questo confronto ti serva anche per capire se c'è ancora una qualche possibilità di recuperare quella storia.
      Se te la senti, puoi fare questo tentativo essendo però anche pronto ad un possibile rifiuto dal momento che il tempo cambia le situazioni e le persone per cui riparare o recuperare non sempre è possibile.
      Cordiali saluti.
      Dr. Gennaro Fiore
      medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

      Pubblicato il 20 Maggio 2017

      Logo Dott. Gennaro Fiore

      4086 Risposte

      11882 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande