Perchè non ho voglia di far nulla?

Inviata da matteo. 10 ott 2014 11 Risposte

salve sono matteo e ho 21 anni volevo sapere se sapevate spiegarmi perchè non ho voglia di far niente e di stare sempre solo. Mi sembra di peggiorare sempre di più non vado neanche più all'università, non ho amici da 2 anni, non ho voglia di fare sport e sto sempre a casa sul divano. Poi non sapendo cosa fare gioco tante ore alla play e al computer così sto diventando dipendente e passo le giornate a pensare che livelli fare del gioco e anche quando non gioco sento in testa le musiche del gioco. Non mi diverte nulla neanche le cose che una volta mi piacevano non suscitano più niente in me. Poi penso sempre al passato come gli anziani, quando avevo 10-12 anni che mi divertivo ancora poi è tutto diventato noia e monotonia fino a adesso che ho toccato il fondo. Non riesco a capire nulla di me vorrei cambiare però mi va bene così, mi è tutto indifferente e senza senso e poi ho paura di fare nuove esperienze e vedere persone, non riuscirò mai a sbloccarmi perché sono un perdente incapace e non c'è niente da fare. l'unica è arrendersi e smettere di illudersi, una volta avevo grandi desideri e aspettative ma è tutto inutile, la verità è che nulla cambierà e io sarò sempre così e in fondo mi va bene così perché ci sono abituato e non riesco neanche a immaginarmi diversamente. Son proprio un disastro e non servo a niente e a nessuno

11 Risposte

  • Miglior risposta

    Ciao Matteo! Anche io quando avevo la tua età ero nella tua stessa situazione. . Anche io mi sentivo una fallita, eppure ero così giovane e non erano stati così tanti i fallimenti. Era la mancanza di interesse per quegli obiettivi, che mi portava a mancarli. Perché non mi conoscevo, in definitiva, e percorrevo strade che altri credevano giuste per me. E perché i miei sogni non li ascoltavo, perché avevo paura di seguirli. E in piu vivevo anche una mancanza di senso in generale. . dovuta a cose successe nel mio ambito familiare, che cercavo di minimizzare, ma che erano state esperienze scioccanti, in realtà. Per riprendermi da questo stato di apatia, me ne sono andata di casa, proprio quando avevo la tua età. Sono partita quasi senza niente in tasca, ma è una storia lunga... Ti consiglio di fare lo stesso. Parti per lavorare come volontario, da qualche parte in Italia o in Europa, non occorre andare in Africa... informati su cosa sia il wwoof... Ciao, baby blu

    Pubblicato il 13 Novembre 2015

    Deborah Difilippo

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia rispondono gratis
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 11250 Psicologi a tua disposizione
    • 10700 Domande inviate
    • 53550 Risposte date
    • Caro Matteo,
      Le consiglio di trovare la forza per chiedere aiuto ad uno psicologo, che la aiuti ad affrontare la vita in modo piú adattativo.
      Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti,
      Dott.ssa Gerbi

      Pubblicato il 13 Ottobre 2014

      Logo Dott.ssa Martina Gerbi

      143 Risposte

      234 Valutazioni positive

    • Caro Matteo,
      Le consiglio di trovare la forza di chiedere aiuto ad uno psicologo, che la aiuti ad affrontare la vita in un modo piú adattativo.
      Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti,
      Dott.ssa Gerbi

      Pubblicato il 13 Ottobre 2014

      Anonimo
    • Gentile Matteo, sarebbe interessante scoprire cosa sia accaduto negli ultimi due anni della tua vita. Ci sono stati avvenimenti che ti hanno portato a questa sorta di chiusura?
      Ti consiglio di parlare delle tue sensazioni e dei tuoi sentimenti ai tuoi genitori e a cercare, con il loro appoggio, uno psicologo/psicoterapeuta per affrontare questo periodo.
      Nel corso della nostra vita non rimaniamo mai gli stessi: vedrai che ben presto riuscirai ad immaginarti diverso.

      Dott.ssa Valentina Mossa

      Pubblicato il 12 Ottobre 2014

      Logo Dott.ssa Valentina Mossa

      159 Risposte

      212 Valutazioni positive

    • Salve Matteo,
      può capitare che un giovane si senta scoraggiato e non abbia più “voglia di fare nulla” o desideri “stare solo”. Se questa condizione è data o è originata da una condizione di vita particolare (problemi con studio, lavoro, relazioni sentimentali, ecc), conoscendo la causa specifica, può essere d’aiuto un accompagnamento psicologico. Anche se non si riuscisse a individuare una motivazione chiara e il problema fosse dunque più generale e diffuso, consultare un esperto sarebbe un’ottima risorsa per affrontare una situazione difficile che da solo fatichi ad affrontare.
      La perdita d’interesse per le cose che ti piacevano, la mancanza di forza, il disinteresse per le amicizie e i pensieri fissi sul passato fanno pensare a uno stato depressivo o distimico che con un buon sostegno si può affrontare. È vero che le cose lasciate a se stesse peggiorano, ma non sono d’accordo quando dici che “nulla cambierà”. Non ci si può “abituare” a stare male. Il fatto che tu abbia scritto nel sito per chiedere un parere indica già in te la grande capacità di chiedere aiuto, risorsa importante quando si sta male, per nulla scontata. Indica anche che forse non ti sei poi così tanto abituato a vederti così, o che almeno, non ti dispiacerebbe provare a stare meglio.
      Perché non provi con l’evitare di lanciarti insulti quali “sono un disastro”, “non servo a niente”. Frasi di questo tipo sono come un pugno all’immagine di te, alla tua stessa persona, un “auto disconoscimento” che non

      Leggi tutto

      Pubblicato il 12 Ottobre 2014

      Logo Dott.ssa Marzia Rogante
      Dott.ssa Marzia Rogante Porto Sant'Elpidio

      8 Risposte

      19 Valutazioni positive

    • Caro Matteo,
      sono convinta che dentro di te, oltre quel Matteo di cui ci hai parlato e al contrario di quanto adesso pensi, ci sono numerose risorse.
      Una per esempio, è proprio quella di interrogarti e ricercare i motivi del tuo malessere, risposte che di certo troverai, probabilmente con l'aiuto di qualcuno che ti aiuti a vedere oltre quello specchio oscuro che adesso hai davanti.
      Sicuramente ti sembrerà una banalità, ma farsi domande è una capacità che non tutti riescono a tirare fuori quando stanno male.
      Tuttavia, le risposte e le soluzioni richiedono tempo, ma ci sono, aspettano solo di essere scoperte.
      Ti auguro di trovare la strada giusta per te
      Un saluto
      Dott.ssa Panerai

      Pubblicato il 11 Ottobre 2014

      Logo Dr.ssa Martina Panerai, Psicologa, Sessuologa
      Dr.ssa Martina Panerai, Psicologa, Sessuologa Velletri

      87 Risposte

      73 Valutazioni positive

    • Un circolo vizioso, una droga che interrompiamo con l'aiuto di professionisti competenti. Non c'è niente da comprendere ad ora. Immaginati come una persona che è caduta in una fossa. Per prima cosa deve evitare di scavarla ancora più in profondità (I pensieri negativi, le svalutazioni, etc) e poi deve farsi aiutare ad uscirne. Poi quando ne è fuori può comprendere come ha fatto a caderci per impedirsi di ripetere l'esperienza. Chiedi aiuto, anche informandoti attraverso la rete. Ci sono infatti siti specialistici che forniscono le prime informa, iobi in situazione di dipendenza e di isolamento simile a quella che stai vivendo. Comprendo la tua sfiducia, che provi se ti percepisci da solo, ma non lo sei, devi solo socchiudere un poco la porta di camera e permettere che qualcuno possa entrarvi e sedersi accanto a te. Non demordere, già il fatto che tu abbia comunicato attraverso questo portale le tue onquietudini è il primo passo verso la guarigione. Auguri per tutto. Rimango a disposizione se vuoi ulteriori chiarimenti Dottssa Rosanna Tartarelli

      Pubblicato il 11 Ottobre 2014

      Logo Dott.ssa Rosanna Tartarelli

      113 Risposte

      55 Valutazioni positive

    • Caro Matteo
      come sarebbe bello avere una bacchetta magica e farti tornare in un istante allo Stato di Entusiamo di quando avevi 10/12 anni; allora le cose erano belle e divertenti e c' era in te entusiamo e gioia per la vita.
      Ora vivi nel grigio, nel chiuso di una stanza, in mano vari telecomandi, in testa musichette dei giochi (ah... ce ne sono di belle, a me piace quella di Super Mario...l'aveva mio figlio da piccolo!)...il mondo si è spento non c'è scopo!
      Perché vedi Matteo, il problema è questo: non si può vivere la vita in modo così vago e nebbioso bisogna "mettere a fuoco", almeno un obiettivo, almeno una piccola meta.
      Sai una volta c'erano grandi eroi che ispiravano, c'era il Che, il Comandante, una volta si voleva cambiare il mondo; aiutare gli altri, prendere un ceffone perché si era baciata una ragazza "che non ci stava" (c'erano ragazze che non ci stavano èh...), si voleva scalare una montagna, mettere alla prova i limiti del corpo (in senso buono, prendere la pioggia, stare al vento), salvare una colonia di gatti randagi portandoseli tutti a casa (io l'ho fatto, sono stati i miei primi pazienti), poi ci si innamorava come dei cretini... Non era affatto facile da gestire, tanto insicuri, poco esperti, imbranati, timidi, si sentivano musiche, si piangeva, poi si dormiva, poi ..passava... si cresceva.
      Insomma quello che voglio dire Matteo è che bisognerebbe tornare a rischiare... in senso buono, cioè sperimentare.
      Darsi un obiettivo, Volere fortemente volere c

      Leggi tutto

      Pubblicato il 11 Ottobre 2014

      Logo Dott.ssa Silvana Ceccucci

      3087 Risposte

      5720 Valutazioni positive

    • Salve Matteo,
      lei sembra un pò troppo giù di morale e piuttosto severo e critico con se stesso.
      A volte senza volerlo scivoliamo un pò nel buio e con il tempo ci abituiamo fino a pensare che dopotutto non si sta così male.
      Credo invece che se lei ha scritto una lettera su questo tema è perchè è riuscito a guardarsi un pò e a volere per lei anche qualcosa di diverso.
      Isolandosi e dedicandosi a tempo pieno alla play station si rischia di vivere solo per quello.....
      Provi a cercare qualche collega della sua zona, magari insieme riuscirete a trovare motivazioni nuove e potrà confrontarsi con sicurezza e delicatezza sulle opinioni che ha di se stesso, che le ripeto, sembrano troppo severe....
      In bocca al lupo, se vuole mi scriva anche via email che ne parliamo anche un pò insieme.

      Pubblicato il 11 Ottobre 2014

      Logo Dr Alessandro Montenero

      70 Risposte

      48 Valutazioni positive

    • Salve Matteo,

      Non so spiegarti il perché ti senti in questo modo. Richiederebbe tempo è l'aiuto di una persona competente per arrivare a capire. Posso solo dirti che accade a molte più persone di quanto si possa credere e che il primo passo è quello di chiedere aiuto ad un bravo professionista. Non conosco la tua situazione però il consiglio che ti do è quello di rivolgerti ad uno psicologo. Se non hai molta disponibilità economica puoi rivolgerti ad un consultorio oppure ad un centro di salute mentale.
      Spero di essere stata d'aiuto, se hai bisogno non esitare a scrivermi nuovamente.
      Abbi cura di te

      Dr.ssa Francesca Figliozzi

      Pubblicato il 11 Ottobre 2014

      Logo Neuro-Psicologia, Dott.ssa Francesca Figliozzi

      50 Risposte

      33 Valutazioni positive

    • Caro Matteo, credo che lei si trovi in un momento di stallo e crisi esistenziale. La sua è un'età particolare che segna l'uscita dalla tardo adolescenza e il momento dell'ingresso nella vita adulta. Questo fa paura e crea scompiglio. Per molti giovani è frequente, ma nel suo caso sembra un blocco importante seguito da umore basso, ritiro sociale e technological addiction. Capisco le le sembra tutto inutile e senza speranza, ma le assicuro che un terapeuta può aiutarla ad uscire da questa situazione. In bocca al lupo

      Pubblicato il 10 Ottobre 2014

      Logo Studio Privato Dott.ssa Eleonora Russo

      31 Risposte

      24 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande