Mia moglie vuole la separazione

Inviata da roberto. 14 nov 2016 7 Risposte

Salve a tutti sono Roberto volevo chiedere se possibile un consiglio.....
Io ho 47 anni e mia moglie 38 con una bimba stupenda di 4,il problema nasce quando arriva la nostra bimba......mia moglie capoufficio viene messa in maternita e sostituita da una collega appena arrivata in quell ufficio.....al rientro si ritrova spostata in mansione inpiegata e lì cominciano i problemi....torna dal lavoro e non trovando me si sfoga urlando con la bambina poi io arrivo e cominciano le discussioni, cosi per quattro anni.....
In quel periodo mi sono pure permesso di dirle che era una cattiva mamma e non era capace di farla
Fino ad quando non ha voluto la separazione....la stiamo aspettando per dicembre e in questi tremesi le cose sono cambiate molto,io gli lascio tutti gli spazi che vuole .....esce con le amiche fa quello che vuole e altro ancora e io rimango con mia figlia come sempre ho fatto ....
In questo periodo esco con amici nuovi per uscire e fare due parole ma il pensiero corre sempre alla mia famiglia.
Come faccio a recuperare la mia famiglia prima che ci sia la separazione e vada vivere in un altra casa, qualcuno mi puo aiutare.
Roberto

7 Risposte

  • Miglior risposta

    Gentile Roberto,

    mi dispiace molto per quanto sta vivendo.

    Capisco che una separazione non è mai una strada semplice e lineare da percorrere. Forse il lavoro può essere stato l'evento scatenante ma non penso sia la motivazione autentica sottostante la fine del matrimonio.

    Credo che in questo momento, ci sia ben poco che lei possa fare in quanto per recuperare una relazione bisogna essere in due. Deciderlo insieme.

    Apprezzo molto l'apertura che lei e sua moglie state avendo nel rispettare reciprocamente gli spazi dell'altro.

    Non si focalizzi sulle parole dette in passato, ma sulle azioni nel presente.

    Quanto più sarete capaci di proteggere vostra figlia dal conflitto tanto più le permetterete di adattarsi alla nuova situazione.
    Lei e sua moglie sarete genitori per sempre, in questo senso nessuno di voi perde la famiglia, cambia il modo di stare insieme e la progettualità.

    Cordialmente,

    Dott.ssa Elena Consenti
    Psicologa-Psicoterapeuta Latina

    Pubblicato il 15 Novembre 2016

    Logo Dott.ssa Elena Consenti

    42 Risposte

    672 Valutazioni positive

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia rispondono gratis
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 10900 Psicologi a tua disposizione
    • 9900 Domande inviate
    • 51550 Risposte date
    • Gentile Roberto,
      lei non ha bisogno di un consiglio ma almeno di una consulenza per dare modo allo psicologo di capire qual è il problema nel vostro rapporto e darle gli strumenti per migliorarlo. Un consiglio servirebbe a poc secondo me perchè ogni persona è a sé e bisogna capire come muoversi nella comunicazione con il partner per cercare di ottenere i massimi risultati.
      Non è tuttavia escluso, anzi è probabile che lo psicologo/a vi chieda di venire entrambi a fare qualche colloquio.
      Le segnalo un articolo sul matrimonio che può trovare sul mio sito e che potrebbe interessarla.
      saluti

      Pubblicato il 22 Novembre 2016

      Logo Valentina Sciubba

      973 Risposte

      578 Valutazioni positive

    • Buongiorno Roberto, immagino che per lei questo non sia un periodo semplice. sicuramente lei e sua moglie resterete genitori per sempre e questo è importante. come vi siete innamorati? cos'ha fatto innamorare sua moglie di lei? Prima della nascita della bimba cosa facevate di bello insieme? Se sua moglie le desse spazio, potrebbe cercare di ricreare quell'atmosfera di coppia, e non solo di genitori, che vi univa prima per capire se possa essere una ripartenza. se sua moglie fosse d'accordo sarebbe certamente una buona cosa fare una psicoterapia di coppia. buona vita. chiara Schiroli

      Pubblicato il 22 Novembre 2016

      Logo Dott.ssa Chiara Schiroli

      12 Risposte

      6 Valutazioni positive

    • Gentile Roberto
      la nascita di un figlio mette sempre a dura prova una coppia che, se non mantiene un buon dialogo, tra stanchezza e cambiamenti, rischia di sgretolarsi. Un pò quello che è successo a voi.
      Allentare la morsa, evitare sterili discussioni, non far più leva sui sensi di colpa dell'altro, ha evidentemente aiutato a migliorare la situazione. Coltivate anche i vostri spazi, perchè possiate ritrovarvi come persone.
      Ripartite da qua (hinc et nunc), fate tesoro degli errori commessi ma andate avanti e convogliate le vostre energie in un progetto propositivo e positivo.
      Certo, questo deve essere volontà comune; dovrete avere il coraggio di perdonarvi e di ascoltarvi profondamente.
      Potreste anche chiedere aiuto ad uno psicoterapeuta di coppia.
      Cordialmente

      D.ssa Cristina Giacomelli
      Lanciano (CH) - Pescara

      Pubblicato il 16 Novembre 2016

      Logo D.ssa Cristina Giacomelli

      290 Risposte

      511 Valutazioni positive

    • Come si fa a rispondere in due minuti ad una mail come questa?
      Cerco di intuire il problema, ma non sono certa del mio giudizio.
      Parli più di tua moglie che di te, facendo intuire che il problema nasce in lei per una sorta di insoddisfazione lavorativa.
      E qui sorge il mio dubbio: può una frustrazione sul lavoro mandare a ramengo una famiglia?
      Uscire con le amiche è la soluzione?
      Parlare per gli altri e giudicare non è mai la cosa migliore.
      Tante variabili e condizionamenti emotivi coinvolgono la tua situazione e dare consigli mi sembrerebbe riduttivo e da rubrica più per cuori solitari.
      Concentrati su quello che vi ha unito un tempo, cercando se c'è ancora qualcosa, prova a riportarlo alla luce.
      Ascolta tua moglie col cuore, non interpretare mai e chiedile sempre come si sente.
      Buona fortuna.

      Pubblicato il 16 Novembre 2016

      Logo Dott.ssa Guidoni Lucia

      24 Risposte

      9 Valutazioni positive

    • Gentile Roberto, mi dispiace molto per la situazione che lei sta vivendo ... purtroppo temo che sia stato innescato un meccanismo difficile da interrompere, soprattutto se non c'è la volontà di entrambi a lavorare in una direzione diversa... un esperto psicoterapeuta potrebbe aiutarvi a percorrere una strada che possa tutelare maggiormente la vostra genitorialita se non si rintracciano le risorse per un lavoro di coppia! Le auguro di superare presto questo momento così difficile.

      Pubblicato il 16 Novembre 2016

      Logo Dott. Carlo Enrico Livraghi

      22 Risposte

      9 Valutazioni positive

    • Gentile Roberto,
      potrebbe tentare di proporre a sua moglie l'eventualità di intraprendere un percorso di psicoterapia di coppia.
      Può rivolgersi ad uno psicologo-psicoterapeuta specializzato in questo della sua città o chiedere al suo medico di famiglia di segnalarle qualcuno.

      Un caro saluto

      Pubblicato il 15 Novembre 2016

      Logo Dott.ssa Giorgia Salvagno

      119 Risposte

      81 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande