Come faccio a superare la paura che ho di sentirmi male

Inviata da Fabiola. 29 mar 2012 56 Risposte

Dopo un forte giramento di testa avuto da stress continuo a vivere nel terrore che mi si ripresenti quando son sola o alla guida...molto "praticamente" cosa mi consigliate? grazie mille!

Argomenti simili

56 Risposte

  • Miglior risposta

    Gentile signora Giuliana De Santis,
    sintomi spiacevolissimi come quelli da lei esperiti si riscontrano in tante psicopatologie catalogate dai manuali internazionali. Si tratta di capire innanzi tutto di quale psicopatologia importante lei soffre e come questa si è originata, non ultima da che cosa è mantenuta. Solitamente la valutazione cognitivo comportamentale si pone proprio tali domande di fronte a problematiche come quelle da lei lamentate. LO scopo è dare una spiegazione clinica precisa di quanto lei lamenta. Più questa sarà precisa più si potrà intervenire in modo molto personalizzato e mirato con lo scopo di farla star bene e riprendersi il benessere perduto. Quindi il consiglio pratico e concreto in questo momento è adire il più presto possibile (prima di eventuali complicazioni, possibili nel tempo)presso l'ambulatorio di un capace e serio psicoterapeuta. Talvolta per una soluzione completa e reale dei propri problemi è necessario uscire dalla provincia di appartenenza o cercare un bravo professionista, se è il caso, anche fuori Regione. Pur di risolvere in breve tempo e...per sempre!
    dr paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a Udine (regione Friuli Venezia Giulia)

    Pubblicato il 16 Novembre 2013

    Logo Cav. prof. dr Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia)

    1088 Risposte

    1295 Valutazioni positive

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia rispondono gratis
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    Condizioni
    • 10400 Psicologi a tua disposizione
    • 8900 Domande inviate
    • 49350 Risposte date
    • Gentile Giuliana

      Quello che lei descrive è una cosa molto comune. Non lo dico per banalizzare il problema, anzi..per dirle che anche se nel suo malessere si possa sentire unica, è un disagio che vivono moltissime persone e che nella mia esperienza clinica è tra le prime cause che spingono le persone a chiedere aiuto. Si ha paura della paura..e questo genera evitamento. tecnicamente si consiglia di evitare di evitare, cioè di evitare di trovare scuse, stratagemmi e pseudo motivazioni per evitare ciò che ci fa paura. Mi piace definire questa parte come una parte di lei che vuole boicottare la sua vita, la sua libertà . Ogni volta che l'asseconda questa parte diventa più forte, corpulenta..come se gli desse da mangiare. Provi a metterla a dieta, viva ciò che deve, con calma, come può, senza colpevolizzarsi se non riesce e se ci mette più di quanto vorrebbe. provi a vivere la paura non con coraggio, così si può solo amplificare il conflitto tra paura e senso di colpa e di impotenza..ma con curiosità. Si osservi un po' da fuori mentre vive e prova ad attraversare ciò che teme. Come mi sento? come mi sto sentendo? come se dovesse usare un sismografo per il terremoto che è in lei. Lo monitori..senza giudizio. La casa non crolla..ma può monitorarsi e vedere cosa succede diventando più consapevole di sè. Un piccolo consiglio pratico. Molto probabilmente lei a prescindere da questo problema fobico, ha una sua ansia o una sua fragilità..non è un giudizio, solo un'osservazione. Provi

      Leggi tutto

      Pubblicato il 15 Febbraio 2016

      Logo Dott. Goffredo Luigi Bordese

      17 Risposte

      21 Valutazioni positive

    • Cara Giuliana,
      sarebbe auspicabile per Lei una visita psicologica per comprendere meglio cosa intende quando dice continuo stress. Parla di lavoro? stress in famiglia? o altro?
      Il giramento di testa in quale occasione Le è comparso? Si tratta solo di giramento di testa? Quanti episodi? Oppure ha sentito altri sintomi, ad esempio un battito accelerato del cuore e respiro faticoso?
      Sono molte le domande utili che intanto ci farebbero capire le condizioni in cui ha esperito quel primo sintomo.
      Molto "praticamente" Le consiglio vivamente di parlarne con un collega psicologo - psicoterapeuta di orientamento cognitivo che possa aiutarLa a capire cosa Le sta accadendo in questo momento.
      Un caro Saluto
      Dott. Daniele Zinghinì

      Pubblicato il 22 Ottobre 2015

      Logo Dott. Daniele Zinghinì

      5 Risposte

      6 Valutazioni positive

    • Gentile Giuliana,
      visto che ha consiglio pratico mi sento di dirle di non evitare le situazioni in cui teme maggiormente di sentirsi male, perchè evitandole alimenta il problema. Provi anzi a cercare delle situazione temute e affrontarle.
      Si faccia supportare in questo percorso da uno psicoterapeuta.
      Rimango a disposizione
      Cordiali saluti
      Dott.ssa Monica Salvadore

      Pubblicato il 28 Settembre 2015

      Logo Dott.ssa Monica Salvadore - Psicologa Psicoterapeuta

      363 Risposte

      747 Valutazioni positive

    • Gentile Giuliana,
      occorrono più informazioni per comprendere se c'è una componente organica nel disturbo che ha citato e per questo si può avvalere di un controllo medico e otorinolaringoiatrico. Lei ha comunque molta paura che questo disturbo si possa ripresentare in situazioni particolari e ciò depone per un problema di ansia e panico.
      Se gli esami medici escludono cause organiche si affidi ad un bravo collega psicoterapeuta.
      Cordiali saluti.
      Dr. Gennaro Fiore
      medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio Campagna (Salerno)

      Pubblicato il 25 Agosto 2015

      Logo Dott. Gennaro Fiore

      3547 Risposte

      10642 Valutazioni positive

    • Gentile Giuliana, provi a guidare inizialmente con qualcuno al fianco. Poi da sola per brevi tratti, aumentandoli gradualmente in step successivi. E' importante che in questo percorso il passaggio tra uno step e l'altro sia fatto dopo la piena padronanza del precedente.
      Cordiali saluti
      Dott. Alessandro Bertocchi
      Bologna

      Pubblicato il 15 Giugno 2015

      Logo Dott. Alessandro Bertocchi

      93 Risposte

      85 Valutazioni positive

    • Buongiorno Giuliana,
      Ha chiesto un consiglio pratico, e dunque il mio suggerimento è quello di non cedere alla tentazione di evitare posti e situazioni in cui teme maggiormente di sentirsi male. Provi anzi a "sfidare" i suoi sintomi mettendosi nelle condizioni più temute.
      Se il problema non dovesse rientrare, sarà necessaria una più approfondita diagnosi e terapia.

      Pubblicato il 06 Ottobre 2014

      Logo Dott. Filippo Campobasso

      5 Risposte

      12 Valutazioni positive

    • Gentile Alessia la paura di sentirsi male è legata ad un'ansia eccessiva che viene somatizzata e quindi si manifesta con sintomi fisici quali la paura di stare male. Per affrontare e risolvere il sintomo basta una terapia breve. Pulvirenti carmela

      Pubblicato il 26 Aprile 2014

      Logo Dott.ssa Carmela Pulvirenti

      31 Risposte

      10 Valutazioni positive

    • Cara Alessia

      Dai sintomi che riferisce potrebbe trattarsi di attacco di panico nella variante o fobica o ossessiva. Un approccio terapeutico che ha un efficacia del 95% è la terapia breve strategica che ha strutturato nel tempo protocolli specifici di intervento per questo tipo di problemi. Per ulteriori informazioni può contattarmi.

      Cordialmente

      Dott. Ioimo

      Pubblicato il 04 Marzo 2014

      Logo Dott. Giorgio Ioimo-Psicologo-Psicoterapeuta-Terapia Breve Strategica

      33 Risposte

      34 Valutazioni positive

    • Cara Alessia
      da ciò che descrive parrebbe che il suo problema sia un attacco di panico e nel caso specifico di una paura anticipatoria che l'evento possa ripresentarsi. è inoltre utile distinguere se l'attacco di panico sia basato su una matrice fobica o su una matrice ossessiva. Una terapia consigliata per questo tipo di problemi è la Terapia Breve Strategica del Prof. Nardone il quale ha strutturato nel tempo protocolli specifici di intervento per i quadri fobici ossessivi. Se vuole ulteriori delucidazioni resto a sua disposizione

      Cordialmente
      Dott. Ioimo

      Pubblicato il 20 Febbraio 2014

      Logo Dott. Giorgio Ioimo-Psicologo-Psicoterapeuta-Terapia Breve Strategica

      33 Risposte

      34 Valutazioni positive

    • Cara Giuliana, ha raccontato pochissimo di quello che le è successo ma mi sembra di capire che le è capitato di avere un attacco di panico e, tipico del disturbo da attacco di panico, ora ha la "paura della paura" ovvero ha paura che le si ripresenti. Come tutte le paure, per superarle bisogna affrontarle! La terapia cognitivo-comportamentale affronta al meglio questa problematica attraverso il rilassamento muscolare e attraverso la tecnica dell'esposizione. Cordiali saluti.

      Pubblicato il 18 Febbraio 2014

      Logo Dott.ssa Maria Di Siena
      Dott.ssa Maria Di Siena Casale Monferrato

      10 Risposte

      10 Valutazioni positive

    • Salve, gli elementi forniti sono veramente pochi per poter dare una risposta esaustiva. Le consiglio di contattare un professionista in modo tale che possa raccontare meglio quanto accaduto e avere così un'idea più chiara di quello che le stà capitando.
      Cordiali Saluti

      Pubblicato il 18 Gennaio 2014

      Logo Dott.ssa Tamara Collu

      5 Risposte

      3 Valutazioni positive

    • Gentilissima,
      la sintomatologia descritta risulta essere non esaustiva al fine di potersi esprimere in merito. Si potrebbe parlare di attacco di panico o ansia anticipatoria, ma per questo servirebbero più dettagli. Le consiglio di rivolgersi ad un professionista che sicuramente potrà fare luce sull'episodio.
      Buona giornata

      Pubblicato il 30 Novembre 2013

      Logo Dott.ssa Tamara Collu

      5 Risposte

      3 Valutazioni positive

    • Gentile Giuliana, molto semplicemente potrebbe prima descrivere meglio questo suo stato di terrore? E' costante oppure si presenta in alcuni momenti particolari? Inoltre, come gestisce il suo terrore? Cosa fa per tenerlo sotto controllo? Per poterle dare "praticamente" un aiuto valido occorre prima sapere meglio in cosa consiste questo terrore e come si manifesta. E' possibile individuare una soluzione efficace da mettere subito in atto e in breve tempo, ma occorre qualche informazione in più.
      Rimango a disposizione per eventuali altri chiarimenti.
      Cordialmente,

      Dott. Claudio Stambul

      Pubblicato il 14 Ottobre 2013

      Logo Studio Stambul & Vezzani
      Studio Stambul & Vezzani Firenze

      19 Risposte

      12 Valutazioni positive

    • Cara Alessia,
      non é semplice rispondere in modo concreto come lei desidera, soprattutto perché le informazioni che lei fornisce non sono molte. Bisognerebbe fare un assessment (valutazione) e un'anamnesi accurata per poi fare la giusta diagnosi e di conseguenza il più adeguato trattamento. Sembrerebbe trattarsi di un disturbo della sfera ansiosa, precipitato dopo un forte stress. La risoluzione di questi sintomi non avviene per magia ma, se riterrà opportuno risolverli adeguatamente(perché magari hanno invaso troppo la sua vita e la condizionano eccessivamente) mi sento di consigliarle una psicoterapia cognitivo-comportamentale, dove lei collaborerà con il terapeuta per risolvere i suoi problemi, attraverso un intervento a livello del pensiero(perché lei pensa e poi ha in'emozione negativa e si sente male) e del comportamento( attraverso tecniche mirate alla risoluzione dei suoi sintomi).
      Resto a sua disposizione
      Cordiali saluti
      Dott.ssa Maria Luana Cesarea Negro
      .

      Pubblicato il 19 Febbraio 2013

      Logo Dott.ssa Maria Luana Cesarea Negro

      32 Risposte

      12 Valutazioni positive

    • Salve,
      può capitare che lo stress causi sintomi fisiologici che spaventano a tal punto da non voler mettersi di nuovo in gioco. Generalmente questi episodi si verificano in stati particolarmente ansiosi e abbastanza frequentemente si tratta di singoli episodi o comunque sporadici. Diverso è se si parla di una patologia da attacco di panico che è particolarmente più grave e non si diagnostica in base a un singolo episodio legato a un giramento di testa. Molto "praticamente" le posso consigliare di dare meno importanza all'evento e di continuare a vivere tranquillamente. E molto "praticamente" le posso dire cosa NON fare, non deve assolutamente smettere di fare le normali attività poichè iniziare a evitare le situazioni contribuisce a creare circoli viziosi che portano alla genesi e al mantenimento delle patologie.
      A presto

      Pubblicato il 11 Novembre 2012

      Logo Dott.ssa Serena Carnì

      51 Risposte

      20 Valutazioni positive

    • Gentilissima Giuliana, descrive una situazione che sembra assimilabile ai Disturbi da Attacchi di Panico. Potrebbe però trattarsi anche di Ansia Connessa allo Stato di Salute. Ha fatto esami medici specifici? Le consiglierei una terapia cognitivo-comportamentale per entrambe le ipotesi.
      Se avesse bisogno di altre informazioni o delucidazioni la invito a contattarmi nuovamente.
      Cordialità.
      Dott.ssa Patrizia Amici

      Pubblicato il 26 Giugno 2012

      Logo Dott.ssa Amici Patrizia

      7 Risposte

      7 Valutazioni positive

    • Buongiorno,
      il primo passo verso la "cura" e la prevenzione passa dalla consapevolezza, il fatto di riconoscere la propria situazione e i disagi che le sta creando rappresenta un passo importante, poichè è fondamentalmente una ammissione del bisogno di aiuto. Le consiglio di contattare un terapeuta magari ad orientamento cognitivo-comportamentale per un approccio risolutivo alla problematica che presenta.
      Cordialmente Giuliana Guadagnini

      Pubblicato il 23 Aprile 2012

      Logo Studio Clinico

      21 Risposte

      9 Valutazioni positive

    • Gentile Alessia, da quello che lei scrive sembrerebbe trattarsi di attacco di panico. Le consiglio di rivolgersi ad un terapeuta cognitivista comportamentale per lavorare sui pensieri disfunzionali che le generano l'ansia che la intrappolano in un circolo vizioso da cui è difficile uscirne se no con l'aiuto di un terapeuta. Posso solo consigliarle di non perdere altro tempo proprio per evitae che un attacco di panico degeneri in disturbo di panico vero e proprio.
      Cordiali saluti Dott.ssa Campilongo psicologo, psicoterapeuta cognitivo comportamentale

      Pubblicato il 13 Aprile 2012

      Logo Dott.ssa Campilongo Viviana

      7 Risposte

      2 Valutazioni positive

    • Cara Alessia,
      la cosa più pratica da fare è non continuare a pensarci. Più lei ci pensa, più sarà più facile che le venga in mente fino a farglielo avere ancora. Il nostro cervello funziona così. QUando le viene in mente tenti di pensare a cose piacevoli. (esistono tecniche di PNl specifiche)
      Può essere, come le hanno già scritto, un attacco di panico..ma non si può dire. Se crede di avere ansia e che possa essere stato un DAP, cerchi un buon terapeuta o approfondisca, se vuole scrivermi posso aiutarla a capire se lo è stato. Cordialità, Nicoletta Cassiani

      Pubblicato il 06 Aprile 2012

      Logo Nicoletta Cassiani

      3 Risposte

      6 Valutazioni positive

    • Gentile Alessia.
      Dalla sua breve descrizione ritengo fondamentale, per lei, rivolgersi all'aiuto di un terapeuta -dopo gli accertamenti clinici che escludano problematiche di tipo medico - per via della sua ansia la quale, per ciò che scrive, sembrerebbe pervasiva e bloccante.

      Il percorso terapeutico le sarà sicuramente d'aiuto per comprendere da dove arriva tutto questo e affrontarlo al fine di eliminarlo.
      Se il problema non è di natura organica - cosa che le auguro - avrà senz'altro da capire quando e perché è arrivato per poter affrontare il problema che sottende questo e liberarsene. E questo può farlo con l'aiuto di uno psicologo-psicoterapeuta.

      Saluti

      D.ssa Donatella Ghisu

      Pubblicato il 04 Aprile 2012

      Logo Dott.ssa Donatella Ghisu
      Dott.ssa Donatella Ghisu Quartu Sant'Elena

      6 Risposte

      4 Valutazioni positive

    • Cara Alessia,
      il disagio fisico che ha vissuto, qualora dovesse ripresentarsi, può essere indagato attraverso un semplice prelievo ematico che verifica se tutto sia a posto! La paura, invece, potrebbe essere il segnale che qualcosa deve essere compreso del suo mondo emotivo. E' come se una piccola luce si fosse accesa e le sta segnalando che è il momento di dare spazio e tempo a una parte più profonda del Sè. Buona ricerca.
      Dott.ssa Eva Lucchesi Tagliabue

      Pubblicato il 04 Aprile 2012

      Studio di Psicologia - Psicologia Giuridca - Psicoterapia Psicanalitca
    • Cara Alessia,
      le informazioni che ha dato non sono molte. Comunque, la manifestazione fisica può avere origine organica e se dovesse ripresentarsi potrebbe essere utile un semplice prelievo ematico per accertare che tutto sia a posto! La paura, invece, può essere il segnale di qualcosa di più profondo da comprendere. E' come se una piccola luce si fosse accesa nel suo mondo emotivo e le sta segnalando che qualcosa deve essere visto, ascoltato e appunto compreso. Buona ricerca!
      Dott.ssa Eva Lucchesi Tagliabue

      Pubblicato il 04 Aprile 2012

      Anonimo
    • Gentile Alessia,
      le suggerirei di escludere cause organiche, e successivamente, se i sintomi persistono, si rivolga aduno psicoterapapeuta competente che la aiuti ad individuare e le cause sotttostanti ai sintomi e al contempo le dia anche delle indicazioni pratico-concrete per far fronte alle manifestazioni acute.
      Dott. Annalisa Orsenigo

      Pubblicato il 03 Aprile 2012

      Logo Dott.ssa Annalisa Orsenigo

      38 Risposte

      13 Valutazioni positive

    • Cara Alessia, a livello pratico quello che mi sento di consigliarle e' di rivolgersi al più presto ad un terapeuta per capire il senso di questi giramenti di testa ( dopo un consulto con il suo medico di medicina generale per eliminare le cause organiche possibili). E' molto importante muoversi prima che il disturbo si cronicizzi e che diventi invalidante per la sua vita quotidiana. In bocca al lupo.

      Pubblicato il 03 Aprile 2012

      Cecilia Cimetti

    Domande simili: Vedi tutte le domande