Bimba di quasi tre anni vede cose che non ci sono?

Inviata da Carla. 3 apr 2016 6 Risposte

Salve,
mia figlia Alice farà tre anni a Giugno. È una bambina socievole, allegra, molto sensibile, intelligente e affettuosa. In famiglia non abbiamo nessun problema, sia io che suo padre passiamo più tempo possibile con la bambina e anche i nonni. Insomma la bambina è super seguita e super amata, essendo tra l'altro l'unica nipotina. Non abbiamo mai notato comportamenti insoliti, tranne una certa riluttanza a rimanere sola in una stanza, anche con la porta aperta, anche se noi siamo nella stanza accanto. Non dorme da sola (dorme ancora con noi nel lettone e ogni tentativo di farla dormire nel suo letto è stato accolto da pianti isterici e suppliche). Insomma quando sono a casa con lei non posso fare nulla perché lei vuole sempre stare attaccata a me (o a suo padre). Quando siamo fuori non è affatto così, se ne va a giocare con i suoi amichetti e chi la vede più! Per questo motivo non avevo mai dato peso a questo suo eccessivo attaccamento a me quando stavamo a casa... pensavo fosse perché si annoiava. Ma poi l'altro giorno le ho chiesto: ma perché non vuoi mai stare da sola nella tua stanza (o davanti alla tv, o in bagno ecc.). Lei mi ha risposto: perché è pieno di bimbi. Io lì per lì non ci ho dato peso ma il giorno dopo me lo ha ripetuto e mi ha detto che sono i suoi compagni d'asilo (mi ha detto i nomi: Tommaso si siede con lei sul divano mentre vede la tv, Giulia e Riccardo si coricano sul suo letto...). Io ho cominciato a preoccuparmi. Le ho chiesto: ma li vedi davvero? Lei mi diceva ora sì, ora no... l'unica cosa che ho capito di sicuro è che quando ci sono io questi bimbi spariscono... Non so se è un gioco che si è inventata o qualcosa di più serio... e d'altra parte se fosse un gioco perché ha paura? Credete che dovrei farla vedere da uno psicologo? Grazie per l'attenzione

Argomenti simili

6 Risposte

  • Miglior risposta

    Gentile Carla,
    ritengo che la piccola, forse proprio perchè "super seguita e super amata", abbia sviluppato una forte ansia da separazione al punto di non sentirsi sicura nemmeno a giocare da sola in una stanza mentre voi altri state nella stanza accanto.
    Non è così, ovviamente, quando è in compagnia e non da sola.
    La risposta che la bambina le ha dato quando lei le ha chiesto perchè non vuole stare da sola potrebbe confermare il suo bisogno preferenziale e prioritario di stare sempre a stretto contatto con voi familiari quali figure di riferimento privilegiate facendo soltanto un confronto fantasmatico con altri con cui pure passa parecchio tempo e che sono i suoi compagni d'asilo.
    Sarebbe interessante sapere se anche al primo impatto con la scuola dell'infanzia, Alice ha ugualmente espresso forte ansia da separazione.
    Senza che debba essere per lei fonte di eccessiva preoccupazione, credo che qualche incontro dal vivo con un terapeuta dell'età evolutiva può risultare utile e rassicurante.
    Cordiali saluti.
    Dr. Gennaro Fiore
    medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

    Pubblicato il 04 Aprile 2016

    Logo Dott. Gennaro Fiore

    4100 Risposte

    11929 Valutazioni positive

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 11400 Psicologi a tua disposizione
    • 11100 Domande inviate
    • 54450 Risposte date
    • Gentile Carla,
      probabilmente la sua bambina è un po' ansiosa e questa sua caratteristica la manifesta nel momento delle piccole separazioni (in casa non vuol star da sola, non dorme da sola nel sul lettino etc...); probabilmente certi atteggiamenti sono un po' rinforzati dallo stile educativo protettivo di tutta la famiglia. Il fatto che la bambina racconti di amichetti immaginari rientra nella norma a quell'età, realtà e fantasia si confondono, la bambina esprime l'esigenza di non restare sola. Con un po' di pazienza riuscirete a darle la sicurezza che le serve, eventualmente chiedete un colloquio con uno psicologo della zona che vi aiuterà ad analizzare le dinamiche educative che attuate in famiglia e forse saprà farvi vedere i piccoli gesti protettivi che mettete in atto con la bambina e che rinforzano le sue ansie.
      Cordiali saluti
      Dott.ssa Sabrina Fontolan

      Pubblicato il 06 Aprile 2016

      Logo Dott.ssa Sabrina Fontolan

      199 Risposte

      203 Valutazioni positive

    • Gentile Carla,
      ritengo che la piccola, forse proprio perchè "super seguita e super amata", abbia sviluppato una forte ansia da separazione al punto di non sentirsi sicura nemmeno a giocare da sola in una stanza mentre voi altri state nella stanza accanto.
      Non è così, ovviamente, quando è in compagnia e non da sola.
      La risposta che la bambina le ha dato quando lei le ha chiesto perchè non vuole stare da sola potrebbe confermare il suo bisogno preferenziale e prioritario di stare sempre a stretto contatto con voi familiari quali figure di riferimento privilegiate facendo soltanto un confronto fantasmatico con altri con cui pure passa parecchio tempo e che sono i suoi compagni d'asilo.
      Sarebbe interessante sapere se anche al primo impatto con la scuola dell'infanzia, Alice ha ugualmente espresso forte ansia da separazione.
      Senza che debba essere per lei fonte di eccessiva preoccupazione, credo che qualche incontro dal vivo con un terapeuta dell'età evolutiva può risultare utile e rassicurante.
      Cordiali saluti.
      Dr. Gennaro Fiore
      medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

      Pubblicato il 04 Aprile 2016

      Logo Dott. Gennaro Fiore

      4100 Risposte

      11929 Valutazioni positive

    • Cara Carla
      sebbene dobbiamo tenere conto che sono situazioni e "fenomeni" che si presentano anche frequentemente in bimbi di quell'età, è anche vero che consultare uno psicologo dell'infazia è una buona cosa sia per comprendere meglio il problema da cosa è causato, sia per dare a voi genitori le giuste indicazioni di come affrontare, a miglior beneficio della bambina, questo suo momento di difficoltà.
      Un caro saluto
      Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta.

      Pubblicato il 04 Aprile 2016

      Logo Dott.ssa Silvana Ceccucci

      3087 Risposte

      5761 Valutazioni positive

    • Gentile Carla, la sua preoccupazione è comprensibile e legittima e il quadro che lei fornisce denota una buona capacità, da parte sua e del papà, di cogliere i comportamenti di Alice nei diversi contesti in cui vive. Lei segnala un aspetto di particolare difficoltà per la bambina e cioè il fatto di stare da sola in una stanza senza di voi: non a caso forse popola poi dei suoi amichetti lo spazio domestico in cui voi non siete presenti. E' possibile che Alice abbia qualche difficoltà nel sentirsi separata da voi e sicuramente un momento di consultazione e di riflessione con uno psicologo che si occupi di problematiche infantili può esservi di aiuto. Se lo desidera rimango a sua disposizione, può contattarmi tramite questo stesso portale. Un cordiale saluto, drs Lucia Mantovani, Milano

      Pubblicato il 04 Aprile 2016

      Logo Studio Di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani

      607 Risposte

      233 Valutazioni positive

    • Gentile Carla,
      la bambina è davvero piccola. A questa età spesso faticano a distinguere la realtà dalla fantasia e anche i genitori si trovano a non comprendere perché non sono ancora in grado si spiegarsi a pieno a parole.
      Ciò che mette in atto Sua figlia potrebbe essere un gioco o un modo di tenervi vicini, ma sembra che sia angosciata da qualcosa.
      Dubito che siano allucinazioni, ma potrebbe comunque contattare un terapeuta che si occupi anche di bambini (Le consiglio uno psicoanalista lacaniano che si occupi di bambini così piccoli) per comprendere di che cosa si tratta e come eventualmente affrontarlo...non è detto che si tratti di qualcosa di grave.

      A disposizione.
      Un caro saluto.
      Dott.sssa Fornari Daniela

      Pubblicato il 04 Aprile 2016

      Logo Dott.ssa Daniela Fornari

      324 Risposte

      359 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande